Fucili nel parco della Majella: denunciati due cacciatori, sequestrate le armi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1448

PALENA. La Forestale di Cansano (Aq), Pacentro (Aq), Palena (Ch) e il coordinamento Territoriale per L’Ambiente di Guardiagrele, ha sequestrato 2 fucili e deferito 2 cacciatori per introduzione di armi senza autorizzazione all’Interno del Parco Nazionale della Maiella.
Le pattuglie dei Forestali, istituito un posto di controllo lungo la S.R. 84 “Frentana”, località Valico della Forchetta, nella zona 1 del Parco Nazionale della Majella, alle 5,50 hanno fermato una Fiat Panda con i cacciatori a bordo. I due, cinquantenni di Ortona, avevano sui sedili posteriori, all'interno della loro custodia, due fucili, risultati poi scarichi, e il relativo munizionamento.
Quindi sono state chieste loro le autorizzazioni all'introduzione di armi nel Parco Nazionale della Majella, ma ne sono risultati sprovvisti: solo uno di essi ha dichiarato che l'aveva richiesta.
Avendo verificato l'assenza dei loro nominativi nell'apposito elenco delle persone autorizzate, fornito dalla Direzione dell'Ente Parco, i cacciatori sono stati informati del reato.
Gli agenti hanno proceduto al sequestro di un fucile Benelli semiautomatico, calibro 20, comprensivo di una cartucciera in nylon con 29 cartucce a munizione spezzata di varie marche e un fucile Beretta semiautomatico, calibro 12, con altre dieci cartucce dello stesso tipo.
Gli indagati, come hanno poi affermato, si stavano recando in varie zone, aperte all'attività venatoria, dei Comuni di Roccaraso e Sulmona.
«I due fermati», ha dichiarato il Capo del Coordinamento Territoriale dell'Ambiente del Corpo Forestale dello Stato di Guardiagrele, «potevano utilizzare percorsi alternativi, fuori dal Parco, per raggiungere l'Ambito Territoriale di Caccia di Sulmona. Stupisce che da cacciatori esperti non si siano informati del reato commesso».
Si è proceduto ad elevare due verbali amministrativi per violazione alla normativa sulle aree protette e alla Delibera n. 26/98 dell'Ente Parco.
07/10/2008 12.36