Debiti Marrucino.«Approvare entro 20 ottobre, pena scioglimento del consiglio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1150

CHIETI. I decreti ingiuntivi per i debiti del Teatro Marrucino debbono essere considerati “debiti fuori bilancio”. Parola del Collegio dei Revisori dei conti del Comune di Chieti.
«Sarà pure – commentano nella maggioranza di Centrosinistra – ma di questo dobbiamo discutere. Per il momento i Revisori sono andati fuori del seminato perché non c'è stata nessuna variazione di Bilancio e quindi di questo argomento non dovevano proprio interessarsi. Dunque comunicazione da respingere al mittente e sbrigatevi ad inviare il vostro parere sui conti ufficiali che dobbiamo approvare».
Si rischia lo scontro tra Giunta e Sindaci revisori dei conti in questa fase convulsa di preparazione del consuntivo 2007.
Ma si rischia anche di far evaporare i voti necessari (ne servono 21) alla maggioranza per superare questo scoglio, visti i malumori che già sono emersi in Consiglio a proposito del Piano di rilevamento dei debiti affidato al dott. Marco D'Orazio.
Si trattava di 4 milioni e mezzo di debiti e di circa 1 milione di crediti, anche se le cifre sono state contestate perché potrebbero essere solo indicative per difetto.
Forse proprio per la tensione sul Teatro, la maggioranza non è riuscita ad approvare il consuntivo in tempo utile e cioè entro il 30 settembre.
Tant'è che è proprio di questi giorni la messa in mora dei Consiglieri comunali da parte del Segretario generale del Comune che, dopo la mancata approvazione del documento contabile, ha diffidato tutti ad approvarlo entro il 20 ottobre, pena lo scioglimento del Consiglio.
Ma i conti tardano ad arrivare e probabilmente il Consiglio sarà indetto in prima convocazione tra oggi e domani ed in seconda convocazione per lunedì mattina. Frenetica è in questi giorni l'attività del sindaco per convincere i consiglieri della sua maggioranza, spesso sfilacciata, a superare questo ostacolo. Ma l'approvazione resta appesa ad un filo, che rischia di spezzarsi se dovesse reggere anche il peso del Teatro Marrucino, vera macchina mangiasoldi.
Intanto si sarebbero concluse le indagini avviate dalla procura di Chieti e delegate alla guardia di finanza proprio sulla gestione del teatro cittadino ed il buco nel bilancio. La relazione è stata rimessa la pm competente che dovrà valutare il da farsi

s. c. 03/10/2008 9.55