Abolizione Ici. Sos dei Comuni al Governo: «aiutateci»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1196

LORETO APRUTINO. Dopo l'abolizione dell'Ici i Comuni non riescono a mantenere i bilanci in equilibrio e chiedono aiuto al governo.
Abolizione dell'Ici sulla prima casa: bel regalo per i cittadini, brutta tegola sulla testa dei Comuni. Senza quei soldi le amministrazioni comunali «non sono in grado di mantenere gli equilibri di bilancio, di rispettare i vincoli imposti dal rispetto del patto di stabilità».
I sindaci dell' Area Vestina e Collinare, (Loreto Aprutino, Catignano, Cepagatti , Città S. Angelo, Collecorvino, Moscufo, Penne) e i sindaci di Cugnoli, Elice, Picciano ed Vicoli, hanno deciso di concordare una serie di iniziative unitarie per sensibilizzare il Governo
«Chiediamo al Consiglio dei Ministri», ha spiegato il primo cittadino di Loreto Aprutino, Bruno Passeri, «l'approvazione di un apposito e specifico decreto legge che consenta ai Comuni il mantenimento degli equilibri di bilancio».
Una situazione uguale per tutti i Comuni d'Italia che adesso si stanno mobilitando anche attraverso l'associazione Nazionale che li raggruppa.
Nel bilancio dello Stato è stanziata la somma di 2 miliardi e 604 milioni di euro (1, 7 miliardi di euro più 904 milioni già stanziati dalla Finanziaria 2008) ritenuta però insufficiente per la compensazione del minor gettito ICI ai Comuni.
Dai dati forniti dall' Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) risulta che in base all'analisi dei conti consuntivi 2006 il gettito
2008 ICI prima casa non è inferiore a circa 3 miliardi e 300 milioni di euro. A titolo di primo acconto e successivamente alla scadenza della prima rata ICI (luglio anziché giugno), è stato erogato agli Enti solo 1 miliardo e 500 milioni di euro e, stante le attuali disponibilità Statali, il rimborso di dicembre ammonterà solo a circa
1 miliardo e 100 milioni di molto inferiore a quanto dovuto.
Quindi mancherebbero almeno 700 milioni di euro per l'anno 2008.
Nell'anno 2007 il fondo ordinario è stato decurtato di 609 milioni di euro a fronte di un aumento di gettito stimato dall'Agenzia del Territorio in 117 milioni. Nell'anno 2008 il fondo ordinario è stato decurtato di 768 milioni di euro a fronte di un aumento di gettito stimato dall'Agenzia del Territorio in 113 milioni.


01/10/2008 14.52