Domenica la maratona del Mediterraneo. Ma c’è chi protesta: «città paralizzata»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1116

PESCARA. Sono 321, fino ad oggi, gli iscritti alla prima maratona del Mediterraneo, in programma domenica tra Pescara, Montesilvano e Francavilla, nell'ambito dei test event dei Giochi del Mediterraneo del 2009.
Il numero degli iscritti, che arriveranno da tutta Italia, potrebbe salire notevolmente nelle prossime ore, visto che la sola comunità abruzzese di maratoneti e' composta da circa 400 persone.
Per consentire il regolare svolgimento della gara, che prenderà il via alle 9.30 e si concluderà alle 16.30, il traffico rimarrà bloccato lungo tutto il percorso (che supera i 21 chilometri), come hanno annunciato gli organizzatori e i rappresentanti del comune di Pescara.
L'assessore alla Mobilità, Antonio Blasioli, ha lanciato un appello ai residenti affinchè non parcheggino l'auto lungo le strade interessate alla gara, ma ha garantito che i disagi per la circolazione saranno inferiori a quelli avvertiti in occasione del campionato mondiale di pattinaggio che si e' svolto nelle scorse settimane. E' stato assicurato, poi, che l'asse attrezzato sarà percorribile, anche se sarà chiuso l'accesso da piazza della Marina.
Questo il percorso della maratona: via Fabrizi, via Venezia, via Firenze, piazza Italia, asse attrezzato, piazza della Marina, via Doria, via Bardet, via d'Avalos, via d'Annunzio, viale Primo Vere, via Pertini, via Monte Sirente, piazza Tirreno, viale Alcione, lungomare Papa Giovanni XXIII, via Doria, asse attrezzato, via Paolucci, lungomare Matteotti, via Moro, via Adige, via Castellamare Adriatico (strada parco), via Muzii, via Battisti, corso Umberto.
Queste strade saranno presidiate da 180 volontari, 50 persone tra carabinieri in pensione e protezione civile e circa 80 vigili urbani. Il test event di domenica (l'ultimo del 2008) si annuncia, per gli organizzatori, come una grande opportunità di vivere la città, senza macchine - ha sottolineato il maratoneta Alberico Di Cecco.
«Strade completamente chiuse al traffico, anche per i residenti, e cittadini prigionieri in casa propria», ha commentato il consigliere comunale Luigi Albore Mascia (Pdl).
«Per i pescaresi si prospetta una nuova domenica di passione e dolori per la maratona del Mediterraneo, grande evento sportivo, senza dubbio, ma che continua a peccare nell'organizzazione amministrativa della viabilità cittadina. Non è concepibile paralizzare tutta la città, da nord a sud, per sette ore, impedendo il traffico in strade nevralgiche come le due riviere».

01/10/2008 10.33