Provincia Pescara: la minoranza denuncia irregolarità nei concorsi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1164

PESCARA. I consiglieri di minoranza della Provincia di Pescara hanno avviato la procedura per la richiesta di un Consiglio straordinario.
Al centro dell'istanza, la sospensione di alcune procedure concorsuali per l'assegnazione di posti presso l'Ente Provincia.
Dubbi e malumori in Provincia. C'è aria d'agitazione e la minoranza vuole prendere la situazione in pugno. Non chiederanno spiegazioni solo in consiglio ma invieranno una fitta documentazione anche alla magistratura.
«Abbiamo richiesto questo Consiglio - ha spiegato il capogruppo di Alleanza Nazionale Nicola Ricotta - affinche' si faccia chiarezza sull'argomento dei concorsi, poiche' nel giro di una settimana si sono succeduti alcuni episodi».
Il 19 settembre ai consiglieri di opposizione e ai capigruppo di maggioranza e' arrivata una lettera anonima dove erano esposte ipotetiche scorrettezze di varia natura riguardanti i concorsi in atto.
Il giorno successivo e' pervenuta un'altra lettera anonima che denunciava un fatto piu' circostanziato, con tanto di nome e cognome di un testimone.
«Il 21 settembre, inoltre - prosegue il consigliere - e' apparso un articolo di giornale dal quale si evinceva che anche i consiglieri di maggioranza erano a conoscenza di questi fatti».
Alla luce di questi elementi per cercare di fare chiarezza i consiglieri di minoranza hanno convenuto di intraprendere due strade:
la richiesta di convocazione di un consiglio straordinario per chiedere chiarezza sull'episodio e la trasmissione dei dati raccolti alla magistratura.
«Le nostre preoccupazioni - aggiunge Nicola Ricotta – riguardano innanzitutto il malcontento che serpeggia fra gli impiegati dopo questa vicenda. Ci chiediamo, inoltre, come mai si sia deciso di attuare nuove assunzioni proprio a fine legislatura. Politicamente la ritengo una scorrettezza nei confronti dell'amministrazione che si insediera' dopo le elezioni di aprile».
I firmatari della richiesta di un Consiglio straordinario sono Nicola Ricotta, Fabrizio Rapposelli, Mario Lattanzio, Leandro Verzulli, Andrea Faieta, Vincenzo Berghella, Piernicola Teodoro e Vincezo Ferrante.

24/09/2008 15.41