Furti a Collelongo, i ladri rubano l'auto di Del Turco

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4265

Furti a Collelongo, i ladri rubano l'auto di Del Turco
COLLELONGO. Una serie di furti misteriosi. Un raid silenzioso da professionisti che non avrebbero lasciato tracce. (Foto di Antonio Oddi, l'Audi nera rubata) TENTANO DI ENTRARE ALLA POSTA DI NOTTE. DUE ARRESTI
Nessuno ha visto né sentito nulla. I ladri sono entrati anche a casa di Ottaviano Del Turco, senza fare rumore né destare dal sonno l'ex presidente ancora agli arresti domiciliari.
I ladri hanno visitato alcune abitazioni di Collelongo (L'Aquila), sembra al momento siano 4 le abitazioni svaligiate.
Per entrare nella casa di Ottaviano Del Turco i ladri hanno forzato una finestra al piano terra, dove c'e' un giardino. Oltre ad oggetti in oro hanno preso 30,40 euro trovati qua e là.
I carabinieri di Trasacco, della compagnia di Avezzano, stanno svolgendo le indagini e per ora mantengono uno stretto riserbo.
I ladri hanno portato via anche un'auto di proprietà della famiglia Del Turco oltre a due braccialetti d'oro.
I ladri penetrati in casa avrebbero trovato le chiavi dell'auto su un mobile e sarebbero riusciti a portarla via senza fare rumore.
Il bottino piu' consistente, invece, nella casa di un operaio dove sono stati rubati tutti gli oggetti in oro di famiglia.
I ladri hanno tentato di entrare anche nel bar di piazza municipio cercando di scardinare gli infissi ma senza riuscirvi. Sono andati invece al piano di sopra nell'abitazione della proprietaria anche qui utilizzando attrezzi da scasso per forzare le finestre del balcone.
Entrati in casa hanno messo a soqquadro l'abitazione e presi pochi spiccioli dalla borsa.
«Saranno stati circa 40 euro», racconta la proprietaria del bar Pisegna, «hanno fatto pochi danni e scaraventato roba per terra e qualcosa l'hanno lanciata pure dal balcone. Per fortuna nel bar non sono riusciti ad entrare. Non ho sentito e visto nulla. Anche altre persone mi hanno detto che non si sono accorti di nulla».
Alcune testimonianze però hanno potuto accertare che il raid sarebbe avvenuto dopo le 3.30 poiché alcune persone erano ancora sveglie a quell'ora.
24/09/2008 11.09





[pagebreak]

TENTANO DI ENTRARE ALLA POSTA DI NOTTE. DUE ARRESTI
ROSETO. Verso le tre della notte scorsa i carabinieri di Roseto hanno sorpreso due persone che armeggiavano vicino alla porta laterale dell'Ufficio Postale lungo la nazionale Adriatica.
I due malviventi stavano cercando di entrare nella struttura: alla vista dei carabinieri hanno cercato di fuggire, ma il loro tentativo è stato stroncato sul nascere. I militari li hanno fermati e arrestati. Sono stati trovati in possesso di arnesi da scasso e di chiavi alterate, con le quali stavano appunto cercando di scassinare la porta. La successiva perquisizione nell'autovettura ha consentito di rinvenire altri arnesi da scasso ed una ricetrasmittente, il tutto sottoposto a sequestro.
I due, Raffaele Imperiale e Leonardo Ciampa di 49 e 59 anni, entrambi di Pescara, ben noti alle forze dell'ordine dovranno rispondere di tentato furto aggravato e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli. Nella mattinata odierna presso il Tribunale di Teramo si terrà l'udienza di convalida dell'arresto con giudizio direttissimo.
L'intervento dei militari ha quindi evitato il compimento di un furto all'interno dell'Ufficio Postale. Tuttavia i militari ritengono plausibile anche l'eventualità che i due volessero nascondersi nei locali per poi compiere una rapina nel momento dell'apertura della posta.
Le indagini che sono in corso cercheranno di fugare ogni dubbio e di fare luce sulla vicenda.
24/09/2008 13.15