Vigili urbani, ad agosto 6.534 multe. E gli agenti si preparano all’armamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1219

PESCARA. Sta per concludersi, a Pescara, l'attività formativa dei vigili urbani per l'armamento. Una volta terminata questa fase il sindaco D'Alfonso potrà assegnare la pistola ai vigili con decreto.«LA RAPINA DEL SECOLO SONO LE CONTRAVVENZIONI»
L'armamento prevede, oltre alla Beretta, il giubbino antiproiettile per i posti di controllo, ha annunciato ieri il comandante della polizia municipale, Ernesto Grippo.
Oggi, ha spiegato, si terranno le ultime visite mediche a cui i vigili urbani devono essere sottoposti per essere armati. Domenica, invece, si riunirà la commissione che dichiarerà l'idoneità di altri agenti, oltre quelli già dichiarati idonei fino ad ora. Dalla prossima settimana, quindi, prenderà il via l'attività di formazione pratica al poligono di tiro. Terminata questa fase il sindaco D'Alfonso potrà assegnare l'arma. La pistola, ha aggiunto Grippo, serve a garantire la sicurezza degli operatori, e non dei cittadini. Per quanto riguarda i locali per l'armeria sono stati individuati nell'area fino ad ora assegnata agli scout attigua al comando, dove sarà realizzata anche la camera di sicurezza per gli arrestati. E intanto proprio ieri Grippo ha diffuso tutti i numeri dell'attività del corpo dei vigili nel mese di agosto.
Sono stati 1024 agenti di polizia stradale impiegati, 126 i posti di controllo. Per la sicurezza stradale sono stati elevati 6.534 dei quali 2.876 contestati. 1.080 le autovetture controllate, 3.205 i punti decurtati, 124 fermi amministrativi, 280 rimozioni, 35 caschi sequestrati, 24 patenti ritirate, 324 guide senza cintura, 283 guide con il cellulare, 61 auto trovate prive di copertura assicurazione, 140 omesse revisioni, 659 mancanza di documenti.
A Rancitelli in 19 giorni si sono mosse 38 pattuglie per un totale di 265 verbali, 375 punti decurtati, 7 patenti ritirate, 29 veicoli trovati senza assicurazione.
Per quanto attiene alla tutela del consumatore ci sono stati 4 sequestri amministrativi, 3 sequestri penali, 3 persone denunciate. Sono stati sequestrati 247 paia di scarpe, 23 capi di abbigliamento, 98 orologi, 42 paia di occhiali, 24 borse. 11 le violazioni nel commercio (saldi), 6 le violazioni di legge nei pubblici esercizi, 22 violazioni testo unico leggi di pubblica sicurezza.
Per la tutela del territorio: 9 verbali per inquinamento acustico, 46 verbali per affissioni abusive, 1 verbale per alimenti scaduti, 55 verbali mercati coperti
18/09/2008 10.18

GIANSANTE: «BEL BOTTINO PER D'ALFONSO»

«6.534 multe elevate ai cittadini ed ai turisti nel solo mese di Agosto. Questo è il “bottino” che il Comandante Grippo porta al sindaco D'Alfonso, oltre l'annuncio della prossima uscita dei Vigili urbani armati di pistola», tuona Mattia Giansante presidente dell'associazione La Radice.
«Il sindaco», continua Giansante, «anziché inseguire le inutili corse all'armamento dei vigili urbani, dovrebbe impegnarsi a risolvere le gravi carenze strutturali della città, realizzando quelle opere indispensabili a risolvere i problemi della viabilità e della sicurezza stradale. Con le pistole ed i manganelli non si evitano i morti sulle strade cittadine. E senza interventi concreti Pescara, a breve, finirà per essere una città con splendide aiuole e fiorellini, ma senza alcuna prospettiva di sviluppo economico, costringendo i giovani a fuggire».
18/09/2008 12.16

«LA RAPINA DEL SECOLO SONO LE CONTRAVVENZIONI»

La rapina del secolo sono le contravvenzioni. E' quanto afferma l'Unione Nazionale Consumatori, che ha confrontato gli importi delle multe stradali del vecchio Codice della strada del 1959 con quelli del nuovo Codice, che fra l'altro vengono aggiornati ogni due anni con il tasso di inflazione.
Nell'arco di mezzo secolo, afferma l'Unione Consumatori, gli aumenti «sono terrificanti ed è evidente che sono stati studiati solo per arricchire le casse dei Comuni».
Per facilitare il confronto, rileva l'Unione consumatori, gli attuali importi in euro sono stati tradotti in lire ed è stato preso in considerazione il pagamento come oblazione, cioé entro 15 giorni (nel vecchio Codice) ed entro 60 giorni (nel nuovo): «Questo - sottolinea l'associazione - è l'unico piccolo vantaggio per automobilisti, ciclisti e pedoni, per il resto, afferma l'associazione di consumatori, si tratta di una truffa di Stato».
Per fare qualche esempio, nota l'Unione Consumatori, le multe per i divieti di sosta semplice, di fermata e per il superamento del limite di velocità entro 10 km sono aumentati del 6.870%, ma la percentuale per i ciclisti in tripla fila è ancora più pazzesca: +8.419%.
18/09/2008 14.24