Nuova sala polifunzionale nella mensa universitaria di Coste Sant’Agostino

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

917

TERAMO. Il Consiglio di amministrazione dell’Adsu di Teramo ha approvato la realizzazione di una nuova sala polifunzionale che si troverà al piano superiore della nuova mensa universitaria.
«In passato – afferma il presidente dell'Adsu Gianfranco Marini – era stata proposta la realizzazione di una sala lettura e biblioteca. La gara d'appalto, però, andò deserta. Dopo esserci consultati con i rappresentanti degli studenti e con il rettore dell'Università di Teramo Mauro Mattioli abbiamo deciso di rimodulare la proposta realizzando una sala polifunzionale».
Ci saranno anche un bar, un internet point, un sistema audio-video, un videoproiettore oltre naturalmente a tutti gli accorgimenti tecnici: dal sistema di climatizzazione alle uscite di sicurezza.
«Si tratta di un servizio in più per gli studenti», continua Marini, «che potranno usufruire della struttura a tempo piena, utilizzandola come luogo di incontro e per attività connesse allo studio ma anche per organizzare riunioni, convegni e momenti di svago e intrattenimento».
Previsto anche un accesso per i diversamente abili. Per realizzare l'opera, del costo totale di 160 mila euro, l'Adsu utilizzerà 82 mila 518 euro di fondi regionali e 77.482 euro di avanzo amministrativo dell'azienda stessa.
«Il progetto – afferma il vice presidente dell'Adsu Alberto Meralangelo – è stato pensato anche in vista dell'apertura della Casa dello studente, Un obiettivo che l'Adsu di Teramo continua a perseguire con tenacia. Abbiamo dato immediata esecutività alla delibera per la realizzazione della sala polifunzionale per cui faremo i bandi di gara nel più breve tempo possibile e ci auguriamo di poter iniziare i lavori entro ottobre».
Dal primo settembre inoltre è operativa la convenzione con la Staur che prevede più corse e meno costi: il servizio verrà infatti esteso in via sperimentale anche al sabato (pranzo e cena) e alla domenica (pranzo). Grazie alla convenzione firmata con la Staur gli studenti avranno diritto ad un'ulteriore riduzione: il costo dell'abbonamento (valido per tutte le linee urbane) è sceso a 15 euro anziché 16,80. Infine il presidente Marini annuncia altre due iniziative. «Al più presto – conclude – faremo ripartire la convenzione con i donatori di sangue della Fidas e inaugureremo una collaborazione con l'associazione culturale Teramo Nostra per creare una nuova borsa di studio per tesi sulla storia d'Italia attraverso le immagini fotografiche».
17/09/2008 12.52