Bar e ristoranti: sabato si chiude alle 3, giovedì e venerdì alle 2

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1049

L’AQUILA. Facendo seguito al regolamento già approvato a metà luglio dal Consiglio comunale, l’assessore al Commercio del Comune dell’Aquila, Luigia Tarquini, ha firmato l’ordinanza con cui vengono regolamentati gli orari di chiusura di bar, ristoranti e pubblici esercizi in generale.
Questi locali, che sono tenuti a effettuare un'apertura non inferiore a 5 ore e non superiore a 18 nell'arco di una giornata lavorativa, dovranno chiudere all'1 di notte, salvo giovedì e venerdì, quando potranno interrompere la loro attività fino alle 2 (rispettivamente di venerdì e sabato) e sabato, quando l'apertura può essere protratta fino alle 3 di domenica.
Gli esercizi artigianali di produzione e vendita di alimenti e bevande, quali pizzerie, tavole calde, gelaterie e così via, potranno seguire gli stessi orari, regola che vale anche per i chioschi e altre attività di somministrazione di alimenti e bevande su aree pubbliche.
«Questi provvedimenti – ha spiegato l'assessore Tarquini – erano già noti da luglio, quando il Consiglio comunale ha approvato il regolamento sugli orari dei pubblici esercizi, dopo circa quindici anni dalla sua prima stesura. L'ordinanza rende esecutive queste disposizioni. Abbiamo pertanto mantenuto l'impegno preso, frutto di una concertazione ad ampio raggio con i residenti, le associazioni studentesche, quelle di categoria e i rappresentanti degli esercenti. Va espressa dunque piena soddisfazione per il raggiungimento di un risultato importante e condiviso».
Soddisfazione anche da parte del sindaco, Massimo Cialente. «Per arrivare agli atti amministrativi – ha spiegato il primo cittadino – abbiamo intrapreso la strada dell'accordo con le parti in causa, senza imposizioni. Cercare di conciliare gli interessi di residenti e operatori non è stato facile, ma il punto di incontro è stato trovato grazie al lavoro proficuo del consigliere delegato alla materia, Enrico Perilli, e all'assessore Luigi Tarquini».
12/09/2008 14.48