Farindola, costruzioni in aree protette. Esposto alla Procura e ricorso al Tar

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2790

Farindola, costruzioni in aree protette. Esposto alla Procura e ricorso al Tar
FARINDOLA. Lunedì scorso l'associazione di Consumatori Codici ha inviato via fax una diffida al Comune di Farindola. Ma è servito a poco…. LA DIFFIDA DEL GIORNO PRIMA
Nel documento si chiedeva di interrompere le procedure di affidamento di una concessione di terreno di 4 mila metri quadrati, in contrada Rigopiano, alla società Del Rosso Srl proprietaria dell'Hotel Rigopiano.
L'associazione ha diffidato il consiglio comunale a non votare l'affidamento che si sarebbe discusso in aula lunedì alle ore 19.00.
«In contrada Rigopiano», spiega Domenico Pettinari, responsabile provinciale di Codici, «c'è già l'Hotel Rigopiano, di recente ristrutturazione. Quella è una zona di particolare interesse ambientale e paesaggistico nel cuore della Riserva Naturale "Gran Sasso – Monti Della Laga". Lo stesso ha già ottenuto, alcuni anni fa, una concessione di una area di 3.500 mq circostante l'albergo ad uso esclusivo».
Proprietaria della struttura la stessa società Del Rosso che avrebbe realizzato, racconta sempre Pettinari, «diversi manufatti di dubbia legittimità, non ultimo la recinzione di una strada pubblica di 500 mq oggetto di interventi edilizi ancor prima di averla in affidamento in concessione dal Comune di Farindola per uso parcheggio».
La nuova area di 4.000 «è una zona montana – di elevatissimo pregio – destinata da secoli al pascolo del bestiame e ad escursioni e pic-nic per tutta la collettività», insiste Pettinari. «Nella stessa area vi insistono specie di flora e fauna protette oggetto di studio da parte di esperti. Quindi è un'area senza ombra di dubbio di interesse pubblico». E cosa accadrà adesso? «Nella richiesta formulata dalla società si evince chiaramente che la ditta ha intenzione di recintare l'area oggetto della concessione e realizzare dei manufatti in cemento».
Nonostante la diffida il consiglio comunale è andato avanti: «ha votato favorevolmente per l'affidamento in concessione dell'area con un unico voto contrario».
Adesso l'associazione annuncia un esposto «al Dipartimento Forestale a cui compete la Vigilanza sulle riserve naturali ed un esposto alla Procura della Repubblica per gli abusi d'ufficio, a nostro avviso, perpetrati dagli amministratori comunali nel votare la delibera».
Inoltre, ha già dato mandato ai propri legali per valutare la possibilità di ricorrere al Tribunale Regionale Amministrativo avverso la delibera di Consiglio Comunale.

09/09/2008 15.26

[pagebreak]

LA DIFFIDA DEL GIORNO PRIMA

Al Sindaco del Comune di Farindola
Al Presidente del Consiglio Comunale
di Farindola
Piazza G. Mazzocca, 1
65010 FARINDOLA (PE)

Ai Capigruppo Consiliari
del Comune di Farindola
Piazza G. Mazzocca, 1
65010 FARINDOLA (PE)

Anticipata via Fax 085/823384
Pescara, lì 08 settembre 2008
Racc. A.R.

OGGETTO: DIFFIDA - Domanda di concessione presentata dalla Società “Del Rosso S.r.l.” in data 26 maggio 2008

Quest'associazione di Consumatori ed Utenti, legittimata ad agire ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 139 del D.lg. n. 206/05 per la tutela dei diritti di cui all'art. 2 del medesimo decreto
Premesso:
• Che un gruppo di cittadini del Comune di Farindola le ha conferito il mandato per la tutela dei propri diritti;
• Che nel Comune di Farindola, nell'area denominata “Rigopiano” vi insiste l'Hotel Rigopiano di recente ristrutturazione di proprietà della Società “Del Rosso S.r.l.” in una zona di particolare interesse ambientale e paesaggistico nel cuore della Riserva Naturale “Gran Sasso – Monti della Laga”;
• Che la ridetta Società ha realizzato diversi manufatti di dubbia legittimità ottenendone il riconoscimento in sanatoria dal Comune di Farindola;
• Che in data 26/05/2008, la stessa, ha chiesto ulteriore concessione al Comune di Farindola di una fascia di terreno di circa 4.000 mq. confinante con la struttura alberghiera e da secoli adibita ad uso collettivo e quindi a disposizione dei cittadini del Comune di Farindola nonché dei visitatori provenienti da ogni luogo;
• Che la predetta richiesta veniva assorbita nella delibera di Giunta Comunale n. 51 del 03/07/2008;
• Che l'albergo dispone già di un'area di 3.500 mq. ad uso esclusivo della stessa struttura;
• Che sull'area oggetto della nuova richiesta di concessione insistono parte dei pascoli destinati alle greggi per la produzione del rinomato “Pecorino di Farindola” oltre ad alcune specie protette di flora e di fauna;
• Che dei 4.000 mq. richiesti in concessione 500 mq. risultano già occupati e fatto oggetto di interventi edilizi quali recinzione e strada da parte della stessa Società;
• Che le motivazioni addotte nella delibera n. 51 del 03/07/2008 da parte della Società “Del Rosso S.r.l.” circa l'utilità dell'operazione di affidamento in concessione per lo sviluppo del territorio appaiono infodate e prive di ogni riscontro logico in quanto con la recinzione dell'area oggetto di affidamento si andrebbe a favorire esclusivamente gli utenti dell'albergo a discapito dell'intera collettività e quindi dell'interesse pubblico;
Considerato
• Che in data 08/09/2008 è stato convocato il Consiglio Comunale di Farindola per discutere sull'affidamento in concessione di un'area sita nel Comune di Farindola, C.da Rigopiano, alla Società “Del Rosso S.r.l.;
D I F F I D A
il Consiglio Comunale di Farindola a non procedere alla concessione del terreno pubblico alla Società “Del Rosso S.r.l.”.
In difetto, quest'Associazione, provvederà a mettere in atto ogni azione legale a tutela degli interessi e dei diritti dei cittadini.

Il Segretario Provinciale
Domenico Pettinari