Di Marco: «Altro che amministrazione da marciapiede… noi le cose le facciamo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1248

Di Marco: «Altro che amministrazione da marciapiede… noi le cose le facciamo»
PESCARA. Hanno aspettato di leggere i giornali ed i resoconti dettagliati della conferenza stampa di accusa dei consiglieri Teodoro e Pignoli per organizzare una altrettanto articolata risposta da Palazzo di Città.

A rispondere è l'assessore alle attività produttive Michele Di Marco che ribatte punto su punto alle accuse avvelenate dell'ex vicesindaco, Gianni Teodoro, uscito polemicamente dalla giunta D'Alfonso.
Nelle lunga lista spiccava l'accusa della «mancanza di programmazione e di interventi» dettati dalle "necessità della informazione"
(denunce sui giornali della minoranza, pronti interventi il giorno dopo del Comune) «Sono le solite questioni, le solite critiche, la solita demagogia basata sulle belle parole, infervorandosi per i presunti problemi, guardandosi bene però dal proporre soluzioni e suggerimenti. Questo il senso degli interventi dei consiglieri Teodoro e Pignoli anche nell'ultima conferenza di ieri», ha detto Di Marco.
Ma «siccome, però, ai fatti siamo più abituati che alle parole, vogliamo elencarne alcuni, i principali, in merito alle questioni sollevate dai due consiglieri», spiega l'assessore del D'Alfonso Bis.
- Gli eventi organizzati per l'estate appena trascorsa. Poca cosa,
a detta di Teodoro. «Poca cosa», ribatte l'amministrazione comunale, «forse, eppure quest'estate in città abbiamo ospitato artisti del calibro di Ennio Morricone, il cui concerto da solo basterebbe per riempire l'intero cartello degli eventi estivi. Oltre questo evento di rilievo internazionale, Teodoro e Pignoli si dimenticano, però, anche dell'edizione 2008 del Pescara Jazz, la rassegna organizzata dall'Ente manifestazioni pescaresi in collaborazione con il Comune, che quest'anno ha portato a Pescara, fra i tanti, un musicista come Keith Jarret, che ha fatto la storia del jazz».
E poi i numeri, forniti dall'assessore: «oltre 5 milioni di veicoli sono entrati in città nel 2007; il nostro porto ha imbarcato più di 46.000 turisti e c'è stato un movimento passeggeri all'aeroporto superiore ai 370.000 utenti, tutti i fatti difficili da trascurare».
- Il Sociale. «Negli ultimi cinque anni abbiamo raddoppiato le
spese destinando 13 milioni di euro ogni anno rispetto agli 8 stanziati nel 2003», ha detto l'assessore anche se proprio oggi impazza la polemica sul taglio generalizzato delle spese su molti servizi [url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=16614](VEDI L'ARTICOLO)[/url].
«Nel 2007 abbiamo assistito 609 persone con contributi economici, di cui 472 italiani, 66 stranieri, 47 anziani, 24 diversamente abili.
Sempre nel 2007», spiega Di Marco, «l'amministrazione ha provveduto a trasporto e accompagnamento di 1.045 persone e ne ha accolto 198 presso gli alberghi cittadini, fra questi oltre il 30 per cento erano senzatetto. In un anno abbiamo provveduto a dispensare farmaci e alimenti per anziani, disabili e indigenti a oltre 150 persone e nuclei familiari. Il sociale diventerà un punto di eccellenza di questo secondo mandato con gli stanziamenti in bilancio, oltre 13 milioni e tanti interventi, dal nuovo Sert, alle strutture di accoglienza per senza fissa dimora, al servizio di teleassistenza e telesoccorso e assistenza domiciliare che sono più che riconfermati».
- La manutenzione della Riserva Naturale Dannunziana. «Grazie al nostro impegno oggi Pescara è la città più verde d'Abruzzo, con i suoi 14,02 mq di verde per abitante. Oggi i parchi sono ben 31 e presto ne inaugureremo degli altri. La Pineta Dannunziana è stata accorpata in un unico grande giardino, il parco più grande della città, un altro fatto che testimonia l'attenzione dell'Amministrazione verso questo parco. Quanto alla manutenzione proprio in questi giorni è in corso nella Pineta un intervento straordinario di pulizia». E poi nuove promesse sulla pulizia del lago e controlli sulla sua salubrità. Ma da anni le amministrazioni non riescono a risolvere i gravi problemi legati alla sporcizia e al proliferare di topi che sfilano via a pochi metri dai bambini che giocano…
- La segnaletica. Ad oggi, nel solo 2008, sempre secondo
l'amministrazione, il Comune ha speso 80.000 € per interventi di realizzazione della segnaletica orizzontale, e in parte verticale.
«Pochi giorni fa, inoltre», ha precisato Di Marco, «abbiamo appaltato un altro intervento per 26.000 €, grazie al quale andremo ad intervenire su numerose strade ubicate in diverse zone della città».
- Il Commercio. «Pescara anche quest'anno si è confermata "città locomotiva d'Abruzzo", centro principale della regione per l'erogazione di servizi e l'attrazione di cittadini, turisti e professionisti grazie la sua naturale capacità di accogliere unita ad un sistema economico dinamico e competitivo. Siamo la città riferimento per il commercio non cittadino, ma regionale», ne è sicuro Di Marco, «e questo è un dato di fatto, basta rilevare che i pescaresi dichiarano all'anno circa 1.368.000 euro, determinando un reddito annuale medio pro capite dei contribuenti pescaresi pari a 22.618,70 €. Come Assessorato al Commercio, inoltre, abbiamo promosso iniziative innovative come l'istituzione della zona franca con sgravi fiscali e agevolazioni a vantaggio della parte della città più debole a livello commerciale e stiamo studiando un innovativo piano di formazione e lavoro da approvare nei prossimi mesi».
«Abbiamo inoltre applicato in pieno la legge Bersani», dice il componente dell'esecutivo, «ricevendo la richiesta di circa 200 operatori per l'apertura di bar e ristoranti, prorogando i termini di 90 giorni per agevolare gli esercenti nella produzione della documentazione necessaria».
- Il Ponte del Mare.«Un'opera unica nel suo genere, per cui Pescara ha già ricevuto importanti riconoscimenti da amministratori e professionisti di tutta Europa».

05/09/2008 8.17

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=16599]LE COSE CHE NON VANNO SECONDO TEODORO[/url]