Spunta un progetto per rifiuti pericolosi anche a Miglianico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1236

MIGLIANICO (CH). Il consigliere regionale Bruno Evangelista ha presentato una interrogazione urgente all'assessore all'ambiente circa la richiesta avanzata dall'azienda Globus Sas di Francavilla al Mare.
La richiesta è volta ad ottenere l'autorizzazione per la realizzazione e la gestione di un impianto di stoccaggio di rifiuti pericolosi e non in contrada Cerreto nel comune di Miglianico.
In particolare la Globus Sas ha chiesto di poter ottenere lo stoccaggio di oltre 300 tipi di rifiuti di cui 200 pericolosi per una capacità totale di 1108 tonnellate concentrate in un lotto di 2400 metri quadri.
«La cosa appare particolarmente preoccupante», scrive Evangelista, «se si considera che nei pressi ed a soli 100 metri dal citato sito vi è un abitazione e altre sono ubicate a circa 200 metri di distanza insieme ad un ristorante, un impianto sportivo, un vivaio e vigneti di pregio».
Nella interrogazione il consigliere regionale e leader del Movimento per L'Abruzzo Evangelista evidenzia ancora come «in un raggio di 500 metri dall'area interessata dallo stoccaggio risiede un numero di cittadini addirittura superiore all'intero centro abitato di Miglianico».
L'interrogante chiede all'assessore all'Ambiente di conoscere «quali iniziative si intendono assumere per verificare ed eventualmente intervenire su un progetto che sta determinando comprensibili preoccupazioni nella popolazione interessata».
«Và dato atto», conclude Evangelista, «che l'amministrazione comunale ha già notificato agli organi tecnici regionali la propria contrarietà all'insediamento con il pieno sostegno di un agguerrito comitato cittadino».


03/09/2008 8.43