Acqua, Authority: «impianti vecchi, pochi investimenti, 42% perso»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2627

LA RELAZIONE. L'Autorita' di vigilanza sugli appalti lancia l'allarme acqua: nell'ultimo trentennio gli investimenti (prelievo, manutenzione, distribuzione, fognatura, depurazione) si sono ridotti di circa due terzi, passando da una media di 2,3 miliardi di euro del 1985 ad una spesa di poco superiore ai 700 milioni di euro nel 2005.
Le cifre sono contenute nella relazione illustrata ieri al Parlamento dal presidente dell'Authority Luigi Giampaolino.
La rete degli acquedotti - poco piu' di 291mila chilometri - ha mediamente 32 anni di vita. Pochissime condotte sono "giovani" (l'eta'
media delle tubature nelle Marche, per esempio, e' di 12 anni), tantissime invece (come quelle dell'ambito territoriale Verbano in
Piemonte) risalgono
all'immediato dopoguerra.
Un terzo degli acquedotti italiani non e' stato oggetto di interventi di manutenzione straordinaria negli ultimi venti anni e almeno 50mila chilometri di rete andrebbero completamente riprogettati. Per quanto riguarda le altre opere idriche, l'eta' media delle opere da presa e'
di 32 anni, quella degli impianti di sollevamento e' compresa tra i 15 ed i 20 anni, per gli impianti di potabilizzazione risulta essere di
14 anni e per i serbatoi di 30.
Direttamente legati alla vetusta' degli impianti e alla diminuzione degli investimenti sono i problemi delle perdite di rete, un mix di perdite fisiche involontarie, volontarie, allacciamenti abusivi e usi non contabilizzati come l'erogazione delle fontane pubbliche.
Per quanto riguarda gli investimenti in lavori (manutenzione, nuova costruzione di reti e adduttori), da una preliminare elaborazione dei dati acquisti dall'Autorita' nel periodo compreso tra l'anno 2000 e i primi mesi del 2005, si evince una percentuale media rispetto alla totalita' della realizzazione e manutenzione delle opere pubbliche di circa il 3%.
Pertanto il dato sembrerebbe dimostrare una scarsa attenzione a mantenere efficienti le reti e gli acquedotti.


10/07/2008 9.32