Prostituzione, arrestati i titolari di due alberghi-bordelli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3513

PESCARA. Sono stati arrestati questa mattina (domiciliari) Carlo Vignapiano, 61 anni, di Salerno e domiciliato a Montesilvano, titolare dell'hotel "San Remo", e i coniugi Carmine Pallini,71 anni, nato a Castilenti e Matilde Pietrolungo, 61 anni, nata a Spoltore , residenti a Citta' Sant'Angelo, titolari dell'hotel "L'Ora del Crimine". Una quarta persona potrebbe essere arrestata nelle prossime ore.



PESCARA. Sono stati arrestati questa mattina (domiciliari) Carlo Vignapiano, 61 anni, di Salerno e domiciliato a Montesilvano, titolare dell'hotel "San Remo", e i coniugi Carmine Pallini,71 anni, nato a Castilenti e Matilde Pietrolungo, 61 anni, nata a Spoltore , residenti a Citta'
Sant'Angelo, titolari dell'hotel "L'Ora del Crimine". Una quarta persona potrebbe essere arrestata nelle prossime ore.
Quella di oggi è una importante operazione condotta dai carabinieri di Montesilvano per contrastare il fenomeno della prostituzione.
Gli alberghi sono finiti questa mattina sotto sequestro preventivo e nelle scorse settimane le due strutture erano finite nel mirino dei carabinieri in quanto si sospettava un fiorente giro di prostitute al loro interno. E la realtà era proprio questa: le squillo alloggiavano tranquillamente nei due hotel e sempre lì dentro portavano i loro clienti. Per quanto riguarda l'albergo "San Remo", che si trova a Montesilvano, il 2 maggio scorso era stato arrestato il portiere  , Eduardo De Amicis, 56 anni di Pescara, incensurato, per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in quanto aveva permesso ad una prostituta e al suo cliente di pagare l'utilizzo di una stanza senza registrarla. Oggi un nuovo arresto, quello del titolare che non era affatto estraneo a quanto accadeva.
Nel corso della perquisizione che portò al primo arresto, infatti, i carabinieri hanno trovato una contabilita' parallela a quella ufficiale in cui venivano registrati tutti gli ingressi delle prostitute, in particolare rumene e bulgare, con i loro clienti e gli extra pagati.
In sostanza il portiere dopo aver ricevuto i soldi e i documenti, registrava l'incasso sulla documentazione occulta e poi a fine turno il titolare, che attraverso una telecamera collegata con la sua stanza controllava tutti gli ingressi, incassava gli extra controfirmando il registro per ricevuta.
Dal controllo di tutta la documentazione, relativa al periodo compreso tra il 1 gennaio e il 3maggio 2008, sono emersi 381 ingressi non registrati per un incasso di oltre 11 mila euro.
I carabinieri interrogando poi le prostituite hanno accertato che andavano con i loro clienti anche presso "L'ora del Crimine", che si trova a Citta' Sant'Angelo. Anche questo albergo nello scorso febbraio era stato oggetto di controlli da parte dei carabinieri ed era rimasto chiuso per 30 giorni per motivi di sicurezza.
Grazie ad ulteriori controlli e servizi di osservazione e' emerso che i titolari dell'albergo si facevano pagare dalle donne l'utilizzo di una stanza, per 20-30 minuti, circa 35 euro.
Inoltre le prostitute che alloggiavano nell'albergo non potevano usare la loro stanza con i clienti, ma dovevano utilizzarne un'altra. I tre devono rispondere di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e anche di aver tollerato la presenza di persone, all'interno dei loro alberghi, dedite alla prostituzione .
La vicenda sara' segnalata anche alla Guardia di finanza per accertare l'evasione fiscale. Le misure cautelari sono state messe dal gip del tribunale di Pescara, Luca De Ninis, su richiesta del pm, Filippo Guerra.

A MONTESILVANO PIU' CONTROLLI ESTIVI

MONTESILVANO. Sono settimane intense per Montesilvano dove ormai il fenomeno della prostituzione ha raggiunto vette altissime. Ogni giorno ci sono notizie di arresti, chiusure di night e circoli privati e controlli sulla strada di giovani prostitute. Perché d'estate, si sa, il commercio del sesso subisce un incremento.
Proprio per questo a luglio e agosto aumenteranno i controlli delle forze dell'ordine in città.
Lo annunciano il sindaco, Pasquale Cordoma, e i rappresentanti di Polizia, Carabinieri e Vigili urbani.
Da due giorni è attiva una volante della Polizia, nei prossimi giorni arriveranno altri sette carabinieri provenienti dai Comuni delle aree interne e sarà attivata una stazione mobile per le ore notturne.
Anche la polizia municipale sarà più presente sul territorio. Dal 5 luglio al 31 agosto circoleranno nelle ore serali da due a quattro pattuglie di vigili, in relazione agli eventi in programma. Una, in particolare, sarà impegnata dalle 19 all'una di notte per gli incidenti stradali.
Il comandante della Polizia municipale di Montesilvano, Antonella Marsiglia, ha spiegato che, proprio in vista dei servizi notturni, i vigili saranno dotati di strumenti di autotutela: spray al peperoncino e bastoni estensibili. Lunedì prossimo terminerà un corso apposito per gli agenti


27/06/2008 14.57