Inquilini abusivi in strutture fatiscenti, rubavano elettricità per avere luce

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1089

PESCARA. Alle 6:30 di questa mattina la Squadra Volante della Polizia insieme a 3 unità operative del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo di Pescara, ha effettuato la bonifica di alcuni edifici pubblici e privati, in stato di abbandono, utilizzati negli ultimi tempi da stranieri, comunitari e non, come dimora.
Le strutture controllate si trovano nella zona nord di Pescara, nei pressi della strada parco, in prossimità del complesso sportivo "Le Naiadi" e in via Tiburtina, angolo via Feltrino, corrispondente alla ex fornace.
In tutti e due i casi le strutture sono state trovate murate e quindi non rioccupate.
In via Andrea Doria, angolo via Duilio, nell'area degli ex pozzi Di Properzio, di proprietà della ditta Laureti, è stata invece trovata una struttura in cemento e legno, ad un unico piano, di circa 100 metri quadrati, di forma rettangolare, composta all'interno da una decina di stanze, alcune delle quali con lettini e brande, usate quindi per dormire.
Dentro l'edificio sono state trovate 4 persone di cui 3 extracomunitari (un algerino, una donna ucraina ed un israeliano) ed un polacco.
È stato accertato che, per introdursi nell'area, recintata e chiusa con un cancello, è stato quasi certamente divelto il lucchetto e forzata la porta d'ingresso.
Inoltre è stato accertato che gli occupanti hanno collegato un cavo dal più vicino palo dell'energia elettrica, di proprietà dell'Enel, fino all'interno della struttura, dove vi e' tuttora un impianto elettrico.
Quindi i nuovi inquilini abusivi hanno rimosso la scatola del contatore, collegando i fili al cavo in modo da poter utilizzare energia elettrica nell'edificio occupato.
Le persone trovate sono state accompagnate in Questura per le procedure d'identificazione e messe quindi a disposizione dell'Ufficio immigrazione.
Sul posto è stato effettuato un sopralluogo del personale del Gabinetto provinciale della Polizia Scientifica e dei tecnici dell'Enel, dipendenti dell'Area Verifica e tecnica di Pescara, che hanno provveduto a rimuovere il cavo e a ripristinare lo stato dei luoghi, al fine di scongiurare situazioni di pericoli.
E' stato informato il responsabile della ditta Laureti, proprietaria dell'area, il quale ha riferito di non avere sporto denuncia querela e si è impegnato a predisporre dei sistemi di sicurezza indispensabili per evitare ulteriori intrusioni.
I quattro fermati sono stati tutti denunciati per il furto aggravato di energia elettrica.


18/06/2008 14.14