Via delle Caserme, ricorso contro la chiusura alle 2 di notte

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1097

PESCARA. Più divertimento e più sicurezza. Vogliono stare aperti oltre le 2 i gestori dei locali di via delle Caserme e chiedono una vigilanza privata perché tutto fili liscio.
Sarà un'estate calda per gli imprenditori della città vecchia.
Ieri i gestori hanno fatto sapere che intendono presentare ricorso al Tar contro la disposizione del prefetto, Paolo Orrei, che fissa alle 2 l'orario di chiusura dei locali del centro storico di Pescara e zone limitrofe.
E' troppo presto, sostengono, e chiudere così anticipatamente penalizza i loro incassi.
Lo hanno annunciato ieri pomeriggio proprio i gestori delle attività, a seguito di un incontro col prefetto.
Hanno chiesto di rivedere la decisione (presa per motivi di sicurezza) e hanno anche presentato la proposta di attivare un servizio di vigilanza privata da finanziare col parcheggio a pagamento lungo la golena, con l'installazione di telecamere lungo le vie di Pescara vecchia.
Ieri mattina, alla presenza dei rappresentanti della Confesercenti, alcuni gestori dei locali hanno incontrato il sindaco, Luciano D'Alfonso, per chiedere un'intermediazione nei confronti del prefetto.
Dopo i sequestri di cinque locali da parte della Forestale per inquinamento acustico in orario notturno, lo scorso week end è trascorso in piena tranquillità e alle 2 in punto è scattata la chiusura.
Adesso la richiesta di restare aperti per più tempo, così come accade sulla riviera. Sarà un lungo braccio di ferro.

10/06/2008 9.55