Sicurezza a L’Aquila: più uomini per il servizio notturno

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

597

L’AQUILA. L’incremento della presenza dei vigili urbani, i controlli attraverso telecamere e una maggiore sinergia per la sicurezza nel centro cittadino, durante le ore notturne.
Sono stati gli argomenti di cui si è discusso stamani nel corso di un incontro tra il sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, e una delegazione del Coisp – Coordinamento per l'indipendenza sindacale delle forze di Polizia – guidata dal segretario provinciale, Santo Li Calzi.
Il Coisp ha chiesto l'impiego della polizia municipale nelle ore notturne, onde consentire di restituire le Volanti al controllo del territorio.
«Il nostro impegno – ha affermato il sindaco Cialente – è quello di disporre immediatamente un servizio notturno di vigilanza attraverso il nostro corpo di polizia municipale, naturalmente rispettando le condizioni previste dalle normative e dai contratti. Altro obiettivo, quello di potenziare i vigili urbani attraverso l'espletamento di concorsi e l'assunzione di alcune unità part time, da impiegare proprio nei controlli notturni. Ciò consentirà alla polizia e alle altre forze dell'ordine di poter provvedere a un servizio più efficace nel territorio».
Cialente ha inoltre affermato che «i recenti, gravissimi episodi che si sono verificati nel centro storico, degenerati in vere e proprie aggressioni ai danni di uomini in divisa, vanno assolutamente eliminati, attraverso azioni energiche, che comunque non compromettano le esigenze dei gestori dei locali. Proprio partendo da questa considerazione – ha aggiunto – qualche giorno fa ho firmato l'ordinanza per il divieto di vendita delle bevande da asporto in contenitori di vetro o metallici. Provvedimento entrato in vigore il primo giugno e che avrà una ferrea attuazione concreta. Ogni passo che faremo, in questo delicato settore, sarà portato a conoscenza dei titolari dei pubblici esercizi e dei locali, in modo tale che le loro necessità di lavoro e quelle dei residenti siano salvaguardate. In questo senso, come noto, avviando un percorso mai seguito in passato, in Comune si sono tenute numerose riunioni sulla materia fra i soggetti interessati, con i quali saranno periodicamente analizzati gli esiti delle operazioni messe in campo».
Su questo punto il Coisp ha chiesto il rispetto delle regole, con la certa applicazione delle sanzioni previste.
«L'Aquila deve confermare, anche attraverso questi passaggi, di essere una città accogliente con gli studenti universitari – ha detto ancora Cialente – i quali hanno pieno diritto di divertirsi e di poterlo fare in un ambiente sano. E' bello vedere le piazze affollate da ragazzi, soprattutto di sera, in quanto rendono viva la città. Proprio per la loro salvaguardia verrà offerto tutto il contributo possibile per stroncare sul nascere gli episodi di microcriminalità, allo scopo di rendere ancora migliore l'immagine di una città che, come ha ricordato il quotidiano ‘Il Sole 24 ore', attraverso una specifica inchiesta, è una di quelle che offre le migliore garanzie quanto alla tranquillità, in campo nazionale».
Altro elemento trattato, la videosorveglianza.
«Un punto strategico perché le azioni coordinate tra la prefettura, la municipalità e le forze dell'ordine funzionino a dovere. E' nostra intenzione – ha osservato il primo cittadino – (abbiamo già valutato un programma di massima con esperti del settore) procedere all'installazione di telecamere nei luoghi del centro storico considerati maggiormente a rischio, con possibilità per le forze dell'ordine di poter visionare le immagini qualora si verifichino disordini. Il tutto, nel massimo rispetto della normativa sulla privacy”.
Durante l'incontro si è parlato anche dei poteri conferiti ai sindaci dal recente decreto sulla sicurezza e dalle intese nazionali in materia. “Sarà chiesto l'intervento dell'Arta per la misurazione delle emissioni acustiche sia nei locali che nelle piazze dove si tengono concerti – ha detto Cialente – e scatteranno le sanzioni a carico di chi creerà disturbo alla quiete pubblica. I provvedimenti saranno applicati a quei locali che non chiudono nelle ore stabilite nei provvedimenti comunali, che tra breve saranno portati all'attenzione della giunta, o per chi, in generale, sporca, imbratta i muri, compie atti di vandalismo e deturpa a qualsiasi titolo la città. Priorità anche ai controlli sui tassi alcolici, per la sicurezza nella circolazione stradale. Il tutto per dare alle forze dell'ordine l'adeguata certezza delle sanzioni da adottare, ma soprattutto, lo ribadisco, per tutelare il decoro e l'immagine dell'Aquila, nonché per assicurare agli esercenti il diritto di lavorare, ai giovani quello di divertirsi e ai residenti quello di vivere serenamente».
Soddisfazione è stata espressa dal Coisp. «Gli indirizzi emersi nel corso dell'incontro sono validi – ha asserito Li Calzi – e vanno nella direzione che ci auspicavamo. Ci auguriamo che agli stessi venga data piena attuazione».

03/06/2008 14.57