Il 53% dei tabaccai non vende sigarette a minorenni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

760

CAMPAGNA ANTIFUMO. PESCARA. Sarà a Pescara in Piazza della Repubblica il 30 Maggio ed in viale V. Pepe (zona stadio) il 31 Maggio il bus della terza campagna nazionale 'Noi non dobbiamo fumare' realizzata dal Moige e dalla Federazione Italiana Tabaccai.



CAMPAGNA ANTIFUMO. PESCARA. Sarà a Pescara in Piazza della Repubblica il 30 Maggio ed in viale V. Pepe (zona stadio) il 31 Maggio il bus della terza campagna nazionale 'Noi non dobbiamo fumare' realizzata dal Moige e dalla Federazione Italiana Tabaccai.Secondo l'indagine condotta da SWG per il Moige, oggi per un minore di sedici anni è più difficile acquistare sigarette in tabaccheria.
Infatti la percentuale dei tabaccai che nel 2007 dichiarano di essersi rifiutati di vendere sigarette ai minori di 16 anni, come previsto dalla legge, è quasi raddoppiata rispetto all'anno precedente (53% rispetto al 30%), mentre si dimezza la quota di quanti ammettono di non essersi mai o quasi mai rifiutati di vendere sigarette ad un minore di 16 anni (17% rispetto al 35%).
Dal confronto di questo dato col consumo purtroppo ancora ricorrente di fumo da parte dei minori, emerge comunque un trend positivo che fa ben sperare come disincentivo per il futuro
Anche i genitori, altra categoria a cui è rivolta la campagna, dimostrano di conoscere meglio il divieto: i ragazzi che dicono di esser stati mandati dai genitori a comprare le sigarette diminuiscono rispetto al 2006 (sono il 76% rispetto all'81% dell'anno precedente i tabaccai che dichiarano questa modalità da parte dei ragazzi).
"Noi non dobbiamo fumare" è una campagna itinerante sulla prevenzione all'accesso al fumo nei minori, rivolta ai genitori ed ai tabaccai, l'importanza della quale è dimostrata dal fatto che 1 genitore su 3, prima di incontrare il bus del Moige, non sapeva che esistesse una legge che vieta la vendita di sigarette ai minori di 16 anni.
29/05/2008 11.55