Rapina con sparatoria a Pescara, due arresti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4506

PESCARA. Due ragazzi giovanissimi, Luca Cataldo di 18 anni e Paolo Di Benedetto di 19, entrambi di Montesilvano, nel tardo pomeriggio di ieri hanno messo a segno una rapina. A Montesilvano la polizia ha arrestato una giovane spacciatrice. E sempre lì un uomo è stato arrestato per violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale
Il negozio preso di mira è stato "Compro oro" in via Michelangelo.
I due sono entrati e hanno costretto la commessa, con minacce e percosse, a consegnarle gli oggetti in oro e i contanti a disposizione nella cassa.
In totale hanno racimolato circa 7 mila euro.
Uno dei due è stato preso subito dopo il colpo, a seguito di un inseguimento in centro, mentre l'altro e' stato bloccato nella tarda serata di ieri a casa della fidanzata.
La refurtiva è stata recuperata dai carabinieri che stanno proseguendo le indagini.
Non si esclude, infatti, che uno dei due abbia messo a segno altri colpi.
I militari dell'Arma hanno sottolineato la giovane età degli arrestati e li hanno definiti le «nuove leve».

ARRESTATA UNA SPACCIATRICE, CON SE' 6.500 DOSI DI EROINA

Un chilo e 800 grammi di eroina sequestrati e una giovane incensurata arrestata (domiciliari).
E' il bilancio di un'operazione antidroga eseguita a Montesilvano dalla squadra mobile di Pescara.
La polizia, che la stava osservando da giorni anche per le sue frequentazioni con gli
albanesi, e' intervenuta, l'ha bloccata e arrestata.
L'eroina era suddivisa in tre panetti e nascosta in una scatola per le scarpe che Ramona Filosofi, 19enne, stava portando fuori casa, in via Bixio.
La squadra mobile, coordinata da Nicola Zupo, ritiene che Filosofi si limitasse a conservare la droga per conto degli stranieri e che l'eroina, proveniente dall'Albania, fosse destinata al mercato locale attraverso gli zingari.
Il valore della droga sequestrata si aggira sui 40mila euro. Le dosi ricavabili circa 6.500.

MONTESILVANO: UOMO ARRESTATO PER VIOLENZA SESSUALE E RESISTENZA

Un uomo è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale.
Intorno all'1.30 della scorsa notte una donna 36enne di Montesilvano, dopo aver terminato di lavorare stava per rientrare a casa.
All'improvviso è stata avvicinata da un uomo che si è abbassato i pantaloni e ha cominciato a masturbarsi.
La donna impaurita ha tentato di fuggire ma non è riuscita a rientrare nella propria abitazione ed è stata inseguita dal maniaco. E' riuscita però a chiamare i Carabinieri che poco dopo hanno sorpreso l'uomo, Tiziano Dell'Elce di 48 anni di Montesilvano, che inseguiva la donna e stava per raggiungerla, ancora mezzo nudo.
L'uomo ha tentato di opporsi al fermo dei militari ma poco dopo è stato arrestato per violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale.

NUOVO CONTROLLO DI PROSTITUTE

Questa notte durante l'ennesimo servizio antiprostituzione da parte dei carabinieri sul lungomare di Montesilvano. Sono state controllate 8 prostitute, tutte multate, e sono state denunciate tre persone per atti osceni in luogo pubblico, in quanto sorpresi a consumare un rapporto sessuale all'interno dell'autovettura in prossimità di abitazioni e strade pubbliche.
Nel corso del servizio è stato sorpreso anche un giovane con un grammo di cocaina e quindi è stato segnalato al Prefetto quale assuntore. Denunciato un altro uomo per inosservanza all'obbligo di dimora presso la propria abitazione nelle ore notturne.

22/05/2008 13.47