Partita aperta per il bocciodromo incompiuto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1390

Partita aperta per il bocciodromo incompiuto
MONTESILVANO. Sono 8 anni che Montesilvano aspetta la realizzazione del bocciodromo in via Rimini, struttura incompiuta bloccata dal 2004 divenuto un ottimo rifugio per tossicodipendenti. Forse questa in corso potrebbe essere la settimana decisiva...
L'Associazione Bocciofila di Montesilvano, auto-definitasi "nomadi delle bocce", illusa e disillusa con gli anni di poter avere un posto dove giocare, chiede "asilo" dal 2000 al bocciodromo di Pescara, avendo rischiato più volte lo scioglimento della società e l'allontanamento dei giocatori dalla stessa.
La realizzazione della struttura era prevista nell'accordo di programma tra Comune e la ditta Cdc (dei costruttori Carletti, Di Pietro, Centorame) impegnata nella costruzione del complesso Ranalli 2000.
Tutte le opere dell'accordo (via Migliorino Di Pietro, Piazza Ranalli e le opere interne al quartiere) sono state ultimate, eccezion fatta per la struttura ideata per la realizzazione del bocciodromo per insufficienza di fondi.
Per terminarlo c'era bisogno di almeno altre 100.000 euro.
« Il bocciodromo si è fermato perché l'amministrazione precedente continuava a chiedere il cambiamento dei progetti e i soldi alla fine non erano più sufficienti», ricorda Carlo Tereo De Landerset assessore alle opere pubbliche.
Ma le grane non finiscono qui perché le convenzioni e i progetti sono andati a finire in Procura, «carte» secondo l'assessore «poco chiare e nebulose» che solo adesso, pian piano, stanno tornando nelle mani del Comune.

CHI ASPETTA.. E SPERA

Chi ha sognato ad occhi aperti, più di tutti, la realizzazione del bocciodromo è l'Associazione Bocciofila di Montesilvano, che dai 150 iscritti che contava qualche anno fa si è pressoché dimezzata a 80. «E' un problema a cascata: i giocatori ormai stanchi premono sull'associazione, che a sua volta preme sull'amministrazione, che preme sui costruttori», spiega William Cirone presidente dell'associazione.
«Il bocciodromo è un punto di aggregazione sociale non solo un posto per giocare», continua il presidente. «Abbiamo il progetto di farlo diventare anche una sala da ballo, un punto d'incontro per famiglie».
Sembra che Montesilvano nella provincia di Pescara sia la città con più giocatori di bocce, almeno 100 agonisti. «La cosa che più mi stupisce», dice Donato Agostinone, segretario dell'associazione «è che piccolissimi comuni di altre province con poche centinaia di abitanti hanno un bocciodromo, e Montesilvano con quasi 50.000 abitanti no».
Il problema è imminente visto che la Federazione Italiana Gioco Bocce ha considerato Montesilvano come sede per i campionati europei previsti per settembre, con l'occasione per la città di ospitare dalle 12 alle 16 nazioni. Ma senza bocciodromo niente campionati.

RANALLI 2000: SENZA CAMPO E SENZA ABITABILITA'

L'amministrazione da tempo ha chiesto il termine di questa struttura e sembra che concretamente ci sia un'effettiva collaborazione da parte della ditta che «si sta impegnando nel chiudere le pratiche», afferma Tereo De Landerset.
«Vogliamo una data certa e non cattedrali nel deserto, e vista la disponibilità che la ditta ci ha dimostrato pensiamo sia possibile. Questa settimana è prevista la valutazione del progetto che, se sarà valutato idoneo, darà il via ai lavori».
Lavori che sempre secondo l'assessore «possono essere ultimati in 60-90 giorni».
«Mi auguro per il bene della città che questo bocciodromo venga ultimato anche perché al momento è sempre aperto e il rischio è quello che diventi un posto degradato», commenta Cristian Odoardi consigliere comunale Rifondazione Comunista.
Ma un altro dei problemi che infesta la zona Ranalli 2000 è la mancanza di abitabilità degli appartamenti, problema non circoscritto solo a questa zona di Montesilvano.
«Qualche mese fa ho presentato un'interrogazione consiliare sulla questione» ricorda Odoardi «proprio perché c'è un problema grave per chi ha acquistato un appartamento ed ora non può rivenderlo per questa mancanza».

Antonella Graziani 21/05/2008 9.06