Acqua: «pronto il primo pozzo nel Fucino». Ripuliti 16 km di canali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

959

LUCO DEI MARSI. L'attuazione del progetto consentirà di governare il sistema «in maniera più equilibrata». L'assessore all'agricoltura, Marco Verticelli, ha sottolineato così il lavoro svolto in questi mesi per alleviare i disagi degli agricoltori del Fucino dovuti alla carenza di acqua per scopi irrigui.
Ci sono altri tre cantieri aperti «in cui si sta lavorando alacremente e almeno 16 chilometri di canali nel Fucino sono stati già ripuliti».
Questa mattina Verticelli, infatti, ha aperto il primo dei cinque pozzi previsti dal piano predisposto dalla Regione per fronteggiare l'emergenza nel Fucino, insieme all'assessore al bilancio, Giovanni D'Amico e al vice presidente del Consiglio regionale, Nicola Pisegna Orlando.
Un piano per il quale sono stati stanziati 1.840.000,00 euro e che prevede l'apertura di nuovi pozzi nelle zone che maggiormente risentono della carenza di acqua e, precisamente, nei comuni di Luco dei Marsi, San Benedetto dei Marsi, Cerchio e Avezzano.
Il progetto prevede massima attenzione alla ripulitura dei canali (collettore principale e canali secondari) che attendevano un intervento da anni visto che l'ultima operazione di pulizia risale al 2000.
«Siamo riusciti a fare un gioco d'insieme - ha aggiunto l'assessore D'Amico - che spero possa avere solidità anche per portare a termine altri interventi che riteniamo improcrastinabili e che devono coinvolgere tutti gli attori interessati sul territorio. Un metodo da consolidare, dunque, che speriamo sia di buon auspicio».
Verticelli ha annunciato per la prossima settimana un incontro a Roma al ministero dell'Agricoltura per analizzare il piano irriguo e promuovere le scelte abruzzesi nel contesto generale. Successivamente l'assessore sarà anche al ministero delle infrastrutture dove dovrà avviare l'iter procedurale per un progetto strutturale che potrà dare una soluzione definitiva alla crisi idrica del Fucino e far tirare un sospiro di sollievo agli agricoltori marsicani.
20/05/2008 12.22