Sequestrata discarica abusiva a Spoltore: 1000 mq di rifiuti nelle campagne

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1065

SPOLTORE. La Guardia di Finanza ha sequestrato una discarica abusiva di rifiuti speciali nelle campagne di Spoltore.
A pochi giorni dalla scoperta di una discarica abusiva di amianto nella Riserva Naturale Regionale del Monte Salviano, nel comune di Avezzano, i finanzieri della Sezione Operativa della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Pescara sono tornati in azione.
Questa volta a finire nel mirino delle Fiamme Gialle è stata una discarica di rifiuti speciali, costituiti prevalentemente da mattoni e calcinacci.
La discarica abusiva di materiali di scarto per l'edilizia è stata trovata nelle campagne di Spoltore poco distante da un'altra discarica di rifiuti da demolizione già posta sotto sequestro dai finanzieri nel marzo scorso.
I finanzieri si stavano recando presso un'autofficina per eseguire dei controlli sulla tenuta dei documenti relativi alla gestione di rifiuti quando hanno intravisto nella campagna limitrofa un camion scaricare i rifiuti edili.
Giunti sul posto gli uomini del colonnello Paolo Ventura hanno trovato un'area di circa 1.000 metri quadri, interamente ricoperta da scarichi di mattoni, cemento, mattonelle, tegole e sanitari riversati direttamente sul suolo senza che il proprietario fosse in possesso di alcuna autorizzazione.
Per questo, un imprenditore edile, proprietario del sito su cui sarebbero sorti dei capannoni industriali, è stato individuato quale responsabile dell'illecito ambientale ed è stato denunciato a piede libero per smaltimento non autorizzato di rifiuti speciali.
Si tratta della ennesima operazione messa a segno dalla Stazione Navale della Guardia di Finanza. Complessivamente sono stati denunciati 4 imprenditori a piede libero e sequestrati oltre 3.500 mq. interessati dalla presenza di rifiuti.
Il colonnello Paolo Ventura, comandante del reparto operativo Aeronavale, fa sapere che saranno intensificati i controlli.
L'azione di monitoraggio è stata avviata dopo il protocollo di intesa siglato con la Regione Abruzzo: questa viene svolta con l'ausilio dei mezzi aerei della Guardia di Finanza, e «consentirà di assicurare un'idonea protezione ambientale e paesaggistica», ha spiegato Ventura, «a vantaggio di tutti i cittadini che sempre più di frequente assistono a scempi ambientali e a veri e propri attentati alla salute».

30/04/2008 10.27