Discarica abusiva di contrada Pretaro: denunciato un imprenditore

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

835

FRANCAVILLA. Il personale del Corpo Forestale dello Stato in servizio presso la Procura della Repubblica di Chieti ha denunciato giovedì scorso all’Autorità Giudiziaria, per abbandono o deposito incontrollato di rifiuti in loc. “Pretaro” di Francavilla al Mare (CH), D. C. G., sessantottenne imprenditore edile del posto.
L'indagine è partita da un esposto-denuncia presentato nelle settimane scorse dal proprietario di un fabbricato commerciale adiacente al terreno di proprietà dell'imprenditore.
Quest'ultimo, infatti, su un terreno di circa 7.000 m2 di sua proprietà, aveva abbandonato circa 150 m3 di materiali provenienti da demolizioni edili, come macerie, tubi di plastica per condutture idriche, imballaggi di cartone e confezioni di piastrelle di ceramica, in parte ancora imballate, probabilmente di scarto.
Si è potuto risalire al responsabile grazie non solo alla testimonianza dell'esponente, ma anche considerando che si trattava di un'area ben delimitata, in parte da un muretto di recinzione ed in minor misura da rete plastificata sorretta da pali in legno, con la presenza di un cancello metallico riportante la scritta “vietato l'accesso ai non addetti ai lavori”, tipica delle costruzioni edili. Gli accertamenti di routine hanno determinato, poi, il resto.
Pertanto gli Agenti forestali non hanno potuto fare altro che deferire l'amministratore unico dell'impresa edile proprietaria del terreno alla Procura di Chieti per violazione del Decreto Ambientale del 2006, consistente nell'illecito abbandono di rifiuti speciali, derivanti probabilmente da svariati cantieri, commesso in periodi diversi.
«Non è più giustificabile», ha dichiarato il Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato, «che i rifiuti da demolizioni vengano gestiti ancora così sommariamente, soprattutto dove l'attività edilizia è così diffusa e costante. Inoltre, spero che ai cumuli non venga dato fuoco, per non aggiungere danno al danno».
Le indagini sono state completate anche con l'esecuzione di appositi rilievi fotografici, che hanno consentito di cristallizzare la situazione riscontrata al momento del sopralluogo.
19/04/2008 12.49