Sequestrata discarica abusiva nella Riserva Naturale del Monte Salviano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

773

AVEZZANO. La Guardia di Finanza sequestra una discarica abusiva di rifiuti pericolosi nella Riserva Naturale del Monte Salviano.
Ieri mattina, nel corso di un servizio di contrasto agli illeciti ambientali e alla tutela del paesaggio, i militari della Stazione Navale dipendente dal Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno rinvenuto e sequestrato una discarica abusiva di rifiuti pericolosi nell'area prospiciente la Riserva Naturale Regionale del Monte Salviano, nel comune di Avezzano.
L'area interessata si estende per una superficie complessiva di circa 500 metri quadrati, sulla quale sono stati riversati rifiuti pericolosi, costituiti in gran parte da lastre e camini di cemento-amianto, accumulatori al piombo esausti e filtri olio usati.
I rifiuti vengono abbandonati direttamente sul suolo e tra la vegetazione circostante, esponendoli completamente all'azione dei vari agenti atmosferici.
In particolare, i rifiuti contenenti amianto, in parte frantumati e in parte deteriorati, costituiscono grave pericolo per la salute pubblica in quanto rilasciano nell'ambiente circostante polveri sottili che, assoggettate all'azione eolica, si depositano sulle colture dei campi circostanti.
A ciò si aggiunge che i filtri olio usati e gli accumulatori al piombo esausti rilasciano, attraverso le acque di dilavamento, le loro sostanze nocive direttamente sul terreno e nel sottosuolo.
Il fatto, di per sì già preoccupante, acquista particolare significato se si pensa che il sito adibito a discarica è adiacente l'area protetta su cui si estende la Riserva Naturale Regionale del Monte Salviano, istituita con legge regionale del 1999, in cui è presente il pregiato pino nero e vive lo scoiattolo meridionale.
Sono stati ritrovati anche rifiuti speciali quali materiali inerti, pneumatici usurati, elettrodomestici, vetro, parti di autovetture ed altri rifiuti ingombranti.
Gli investigatori fanno sapere che sono in corso ulteriori indagini per l'individuazione dei responsabili.
18/04/2008 10.48