Giovedì sera don Ciotti ad Avezzano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

787

AVEZZANO. "Libera", l' associazioni, nomi e numeri contro le mafie, organizza un incontro-dibattito con don Luigi Ciotti, giovedì 17 Aprile, alle ore 18:00, presso il Teatro dell'Istituto don Orione di Avezzano, via Corradini, 31.

L'argomento dell'incontro è "Essere cittadini, fra legalità e responsabilità" e questo nuovo appuntamento, spiega Giuseppe La Pietra, coordinatore di Libera L'Aquila «si colloca in continuità con le iniziative dello scorso novembre e dicembre, che ebbero come filo conduttore i tentativi di infiltrazione mafiosa e il riciclaggio di denaro nella Marsica». Momenti molto significativi sul piano dell'informazione a servizio della cittadinanza, che videro la presenza eloquente del giudice Michele Prestipino e dell'allora vice presidente della commissione parlamentare antimafia On. Giuseppe Lumia.
Ora, Libera L'Aquila continua il suo percorso. «L'incontro con don Ciotti vuole essere un momento di festa, di ascolto e di riflessione critica», prosegue La Pietra, «per un impegno costante e responsabile a favore della legalità, da parte di tutti».
Interverranno Mons. Piero Santoro, vescovo dei Marsi e Camillo Cherubini, sindaco di Luco dei Marsi, comune che aderisce ad Avviso Pubblico, Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie.
Da ora alla fine di giugno il calendario di Libera L'Aquila si presenta ricco ed impegnativo. Oltre ad alcuni appuntamenti sul contrasto alle mafie che si terranno nella città dell'Aquila, in altri comuni, e il via del progetto per le scuole superiori con l'Assessorato provinciale alla pubblica istruzione, il 15 maggio, unitamente ad alcune associazioni di categoria, terremo un incontro informativo sul tema dell'usura ad Avezzano e nel resto della provincia aquilana.
«Stando all'incidenza statistico penale del rapporto "SOS Impresa" di Confesercenti» ricorda La Pietra, «la provincia dell'Aquila è al 22° posto su 120 province italiane. Pescara al 1° e Chieti al 31°. Avremo modo di discuterne insieme e di approfondire».
17/04/2008 11.19