La nuova piazza su via dei Vestini, ecco come sarà

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4366

La nuova piazza su via dei Vestini, ecco come sarà
CHIETI. Il progetto di realizzazione di una nuova piazza su via dei Vestini e la sua sistemazione funzionale è inserito nelle opere di completamento infrastrutturale per l'organizzazione dei Giochi del Mediterraneo 2009.
Oggi PrimaDaNoi.it vi mostra, grazie alle ricostruzioni fotografiche, il risultato finale dei lavori.
La piazza avrà il compito di ospitare le manifestazioni principali dell'evento e di collegare le aree del Campus Universitario di via dei Vestini con le aree del Villaggio Atleti.
La realizzazione della piazza risponde, secondo gli ideatori, alle necessità di armonizzare diverse funzioni.
Per garantire qualità e fruibilità, si è scelto di interrare il sedime stradale veicolare, privilegiando quello pubblico della filovia, che essendo in quota diventa il collegamento ideale e diretto con il Campus, l'Ospedale e anche il Villaggio dei Giochi del Mediterraneo.
L'importo dei lavori per la realizzazione della nuova Piazza su Via dei Vestini è di Euro 2.850.000,00. La Piazza avrà una dimensione totale di mq 2.900 di cui 1.500 mq destinati a verde e 1.400 pavimentati.



«Lo spazio che si determina», spiegano ancora dall'amministrazione teatina, «diviene celebrativo e rappresentativo di una urbanità contemporanea che lavora sulla qualità delle relazioni e sul nuovo senso di paesaggio urbano».
Attenzione particolare inoltre viene riservata anche ai percorsi pedonali sicuri e spazi per la sosta e per l'accesso ai mezzi pubblici.
Tre i milioni di euro stanziati dalla Regione Abruzzo per questa opera e per lo svincolo di accesso al Villaggio Mediterraneo da via Gorizia (Chieti Scalo).






DETTAGLI, DALLA RELAZIONE TECNICA

1. Interramento parziale del tracciato di via dei Vestini a mezzo di tunnel in sottopasso, nei limiti consentiti dalla normativa in vigore.

2. Tracciato in superficie della sede viaria del filobus, con fermate poste ai due estremi dell'area di progetto, e trattamento di finitura della sede viaria consona al carattere pubblico e pedonale dell'area. Ci saranno tutti gli accorgimenti necessari ai fini della sicurezza, conformemente alla normativa europea che può contare in contesti urbani consolidati, diverse realizzazioni di qualità.

3. Riqualificazione del piano di superficie come spazio aperto, pubblico ad altimetria variabile, su previsione di progetto ed in ragione delle necessità del sottopasso; variamente trattato, con materiali sia naturali che artificiali, previsione di campi verdi trattati con cura paesaggistica in continuità con il carattere rurale dell'area, recupero di essenze preesistenti ed impianto di nuove, cura dei bordi di affaccio sulla trincea, previsione di sedute nella risoluzione di alcune di queste condizioni particolari, (bordi, scarti di quota, dislivelli, ecc) , previsione di illuminazione anche notturna , consona alle nuove funzionalità previste per quest'area.

05/04/2008 14.50