La Lav contro il circo, scoppia la protesta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

782

L'AQUILA. La Lav–Lega Anti Vivisezione – dell'Aquila prepara insieme ad altre associazioni animaliste un sit-in di protesta domenica 30 marzo alle ore 17 di fronte al Circo Martini, attendato in località Centi Colella a L'Aquila.
«Abbiamo visto foto di un elefante ridicolizzato di fronte al pubblico», spiegano i responsabili della Lav ancora infastidi, «legato con una catena ad palo conficcato nel terreno ed infine lasciato per la maggior parte della giornata all'interno di un camion appena capace di contenerne la mole».
Da qui la convinzione che è giusto protestare.
Quello che gli animalisti contestano è «l'utilizzo a scopo di lucro degli animali» che così «vivono una vita di sofferenza, incompatibile con le loro caratteristiche etologiche».
Tra queste la Lav ricorda «il trasporto per lunghe distanze e la detenzione a vita in gabbie anguste», o «i metodi di addestramento utilizzati per soggiogare e far compiere agli animali esercizi per loro innaturali».
L'associazione chiede inoltre alle autorità competenti, incaricate di rilasciare al Circo le autorizzazioni necessarie per l'attendamento, «una maggiore osservanza delle restrizioni imposte dal regolamento Cites, al quale tutti i circhi e le mostre viaggianti devono sottostare».

29/03/2008 10.41