Rifiuti, accordo tra l’Asm e il Comune di San Demetrio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1300

L’AQUILA. L’Asm, l’azienda municipalizzata che gestisce il ciclo dei rifiuti solidi urbani per conto del Comune dell’Aquila, si occuperà di fornire lo stesso servizio al comune di San Demetrio Ne’ Vestini. E’ quanto prevede una convenzione stipulata tra le due Amministrazioni, che dovrà essere approvata dai rispettivi Consigli Comunali.
Manuela Villacroce, presidente dell'Asm ha spiegato i dettagli del servizio:«su mandato del Comune dell'Aquila svolgeremo il servizio per conto di San Demetrio e di Sant'Eusanio – ha affermato in conferenza stampa – raccoglieremo i rifiuti solidi urbani dei due paesi e li porteremo nella discarica convenzionata, cioè quella di Poggio Picenze».
La vocazione dell'Asm, ha aggiunto la presidente Villacroce, è più ampia, in futuro infatti si prevedono accordi con altri Comuni del circondario aquilano.
Bisogna infatti salvaguardare i posti di lavoro in eccedenza all'interno dell'azienda.
«Il Comune dell'Aquila è intenzionato ad espandere il rapporto con i Comuni vicini – ha detto la presidente – secondo lo slogan “L'Aquila città territorio” ripetuto più volte dal sindaco Cialente anche in campagna elettorale, il capoluogo come capofila di una serie di servizi che gravano sempre più sui piccoli comuni, ma che l'Amministrazione aquilana può mettere a disposizione».
Il comune di San Demetrio, per il servizio fornito dall'Asm, pagherà 50 mila euro l'anno, e questo consentirà di ottenere notevoli risparmi per le casse comunali.
«I vantaggi sono notevoli – ha dichiarato il sindaco di San Demetrio, Silvano Cappelli – soprattutto in vista dell'Ato unico, quindi i Comuni hanno l'obbligo di rivedere tutto il ciclo dei rifiuti. Affidando il servizio Rsu all'Asm , contiamo di investire maggiormente sulla raccolta differenziata, instaurando un processo virtuoso con la riduzione dei costi diretti nel giro di un anno e mezzo».
Il Comune di San Demetrio installerà una piattaforma di tipo B, una stazione ecologica nella quale saranno stoccati carta, plastica, ferro, legno e vetro, per la quale ha ricevuto un finanziamento dalla Regione Abruzzo e dalla Provincia dell'Aquila.
La somma stanziata dalla Regione, 50 mila euro circa, è da dividere con i Comuni di Sant'Eusanio e Villa Sant'Angelo e servirà per gestire la raccolta differenziata, mentre la Provincia ha messo a disposizione 150 mila euro per la realizzazione della piattaforma ecologica. Ma per completare il ciclo dei rifiuti, soprattutto in vista dell'istituzione di un unico ambito territoriale aquilano come previsto dal nuovo piano regionale, il territorio aquilano deve dotarsi di una piattaforma di tipo A, cioè di una stazione ecologica dove saranno lavorati i rifiuti precedentemente separati, e che una volta trattati saranno conferiti in discarica.
«Abbiamo ottenuto un finanziamento – ha affermato la presidente dell'Asm – per realizzare la piattaforma, stiamo procedendo con tutte le pratiche necessarie per individuare un sito, i tempi non saranno lunghi, e recupereremo lo scarto sulla raccolta differenziata».
Nessuna ipotesi, invece, sul luogo dove realizzare la nuova discarica (entro il 2009 non sarà più possibile conferire i rifiuti prodotti dal Comune dell'Aquila nella discarica di Cerratina a Lanciano). Sarà la Regione ad individuare il sito, si è detto in conferenza stampa, e deciderà entro il mese di giugno.

Mara Iovannone 09/02/2008 9.48