La proposta: «più case in affitto a prezzi accessibili»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

506

PESCARA. Nella seduta di ieri mattina la commissione consiliare permanente per la politica per la casa ha approvato all’unanimità la proposta avanzata dal consigliere di Rifondazione Comunista relativa a misure volte ad incentivare la realizzazione di alloggi da immettere sul mercato a canone calmierato e/o concordato.
La commissione invita l'assessorato all'Urbanistica Tommaso Di Biase a predisporre una modifica alle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. «che preveda», spiega Acerbo, «una più netta e chiara finalizzazione dell'indice aggiuntivo dello 0,24 previsto nel piano regolatore per l'edilizia residenziale pubblica. La commissione propone che gli alloggi realizzati con tale incentivo siano vincolati a tale destinazione per 25 anni».
L'indice aggiuntivo, o premio di volumetria, è stato finora destinato dalle imprese all'edilizia convenzionata che sarà sicuramente più conveniente di quella libera, «ma che è comunque preclusa per chi non ha accesso al credito», ha sottolineato Acerbo.
«Inoltre è assai difficile verificare quali siano gli effettivi prezzi per gli acquirenti perché è molto facile aumentarne il prezzo con le cosiddette migliorie».
La misura che la commissione propone «consentirebbe non solo la possibilità di affittare alloggi a prezzo sostenibile, ma anche di esercitare un'azione calmierante sul complesso del mercato immobiliare cittadino e favorisce le fasce deboli della popolazione ed i giovani che subiscono le conseguenze della sempre più diffusa precarietà del lavoro».
L'assessore Tommaso Di Biase ha immediatamente raccolto gli indirizzi della commissione.
«La proposta», ha spiegato ancora Acerbo, «non comporta alcuna imposizione nei confronti dell'imprenditoria e dei privati che sono liberi di utilizzare o meno il “premio di cubatura”. Semplicemente si tratta di dare una funzione sociale ad un indice aggiuntivo che altrimenti sarebbe scarsamente motivato e che in tal caso meriterebbe di essere abrogato».

29/01/2008 11:31