Ponte del Mare: interrogazione su parentele e legami societari

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

18570

Ponte del Mare: interrogazione su parentele e legami societari
PESCARA. Un nuovo colpo di scena per il Ponte del mare? Nei giorni scorsi è stato firmato il contratto d'appalto, l'inizio dei lavori è imminente ma la minoranza ci prova ancora a far saltare tutto…. L’assalto ricorda molto quello dell’area di risulta.
Dubbi, domande, interrogativi che sembrano però avanzare più di una certezza. Quando ormai la parola fine sembrava essere stata scritta e la città si stava preparando a veder sorgere il nuovo ponte del Mare arriva l'ennesimo tentativo di bloccare i lavori.
Questa volta sono i consiglieri di Alleanza Nazionale, Marcello Antonelli e Luigi Albore Masia, a chiedere qualche "precisazione" sull'opera e sulle persone che si sono aggiudicate la gara d'appalto.
Lo fanno con una interrogazione al consiglio comunale che contiene qualche allusione….
Da alcune settimane infatti molte voci parlano di presunti legami che conducono alla ditta Pichler, dell'architetto che ha ufficialmente regalato il progetto al Comune.
L'appalto è stato aggiudicato lo scorso 19 novembre all'Ati Mo.Spe.Ca.
& C di Fiume Veneto (Pordenone) (che è la capogruppo) e a Angelo De Cesaris s.r.l. di Francavilla al Mare e Solisonda s.r.l, anche questa di Francavilla al Mare.
Un primo tentativo dell'amministrazione ad affidare direttamente proprio sa Pichler la costruzione del ponte futurista è stata poi bloccata ma alla gara pubblica lo stesso architetto non ha partecipato.
«Per la redazione del progetto esecutivo», scrivono i due consiglieri di centrodestra, «l'Ati aggiudicataria si è avvalsa di "C.P. Studio S.r.l." con presidente l'Ing. Gasparetto Stori Leopoldo, amministratore delegato l'Ing. Savian Fulvio e con consigliere l'Ing. Cavalli Cesare».
Il progetto donato dallo studio Stahlbau Pichler aveva bisogno (così come spiegò qualche settimana fa il sindaco) di un lavoro di rifinitura.
«Nel corso della seduta di Consiglio Comunale», scrivono ancora Antonelli e Albore Mascia, «il sindaco aveva annunciato la decisione di affidare l'incarico di redazione e realizzazione del progetto esecutivo proprio alla società Stahlbau Pichler».
Sul bando di gara sono anche specificati circa 100 mila euro di spesa proprio per la progettazione esecutiva.
Ma alcuni consiglieri comunali di minoranza e i richiami formali dell'Autorità di Vigilanza sui Lavori Pubblici avevano impedito che l'Ente affidasse alla suddetta società, in modo «illegittimo ed illegale», l'incarico diretto.
Adesso An chiede al sindaco «di verificare, al fine di garantire la massima trasparenza all'intera vicenda, se risponde al vero che esistono rapporti di parentela e/o societari tra gli amministratori e/o proprietari delle ditte appaltatrici, di quelle collaboratrici e della Stahlbau Pichler».
La minoranza, di solito molto attenta alla generosità nei confronti dell'amministrazione comunale, non riesce a spiegarsi perché dopo tanta pubblicità e lavoro il famoso architetto possa aver rinunciato completamente alla paternità dell'opera.
Infondo quello che sarà costruito –seppur rivisto in sede esecutiva- dovrebbe comunque rispecchiare in toto l'idea di Pichler.

«IL PONTE DEL MARE VIETATO AI DISABILI»

Per il sindaco D'Alfonso il Ponte del Mare sarà «il nuovo simbolo dell'identità cittadina». Per l'associazione culturale La Radice e per il suo portavoce Roberto Di Meco sarà il segnale concreto di quanto si faccia ancora troppo poco per i disabili.
«Il sindaco D'Alfonso», dichiara Di Meco, «non presta l'attenzione che meriterebbe: sarà impossibile accedere e percorrere il ponte a tanti cittadini con difficoltà di deambulazione, poiché le pendenze delle rampe sono assurde».
«Nonostante le reiterate proteste», continua Di Meco, «il sindaco continua a chiudere sempre più la città e ad escludere i cittadini non deambulanti dagli spazi in cui si concentra la vita culturale e sociale. A cosa servirà il ponte sul mare D'Alfonso non lo spiega, continua a dire che bisogna farlo perché i soldi li mettono i privati, una favoletta a cui sembra non credono più nemmeno i suoi più ingenui e fedeli sostenitori».

24/01/2008 10.43

[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=ponte+del+mare&mid=6&action=showall&andor=exact]TUTTO SUL PONTE DELMARE[/url]