Inquinamento dell’acqua. Wwf:«l’Aca sapeva dal 2004, ecco le prove»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

5244

Inquinamento dell’acqua. Wwf:«l’Aca sapeva dal 2004, ecco le prove»
PESCARA. Sono sembrate “stonate”, forse “incredibili”, di sicuro smentite dai documenti pubblici (che PrimaDaNoi.it ha on line da oltre 4 mesi) le dichiarazioni del presidente dell’Aca, Bruno Catena. E riesplodono le polemiche sull’acqua inquinata da sostanze molto pericolose.  IL NOSTRO DOSSIER
Catena aveva dichiarato «Peccato che il Wwf stamane abbia dimenticato di ricordare che la discarica di rifiuti tossici di Bussi (situata a monte dei Pozzi Sant'Angelo) è stata individuata dalla Forestale solo nella primavera del 2007, dunque prima di quella data nessun Ente poteva sospettare problemi nel campo pozzi di Castiglione».
Il Wwf oggi lancia una «iniziativa di solidarietà per aiutare l'ACA a ricordare».
«Siamo sinceramente preoccupati per questo “vuoto di memoria” da parte di una società che gestisce l'acqua per centinaia di migliaia di persone», spiega oggi Augusto De Sanctis, responsabile Acqua del Wwf,«comprendendo il momento di grave difficoltà dei dirigenti dell'Aca, dovendo essi spiegare ai cittadini (e ai sindaci proprietari dell'Aca) come mai l'Istituto Superiore di Sanità abbia rilasciato un parere così inquietante sull'acqua fornita a centinaia di migliaia di cittadini, visto l'archivio poderoso di materiale a disposizione del Wwf sull'argomento, raccolto con grande fatica e tra mille difficoltà, ci mettiamo a disposizione del Signor Catena, dell'ACA da lui guidata e dei cittadini che hanno subito questa triste vicenda, per contribuire, nuovamente, a ricordare gli avvenimenti che si sono succeduti dal 2004 ad oggi circa l'inquinamento dei pozzi S. Angelo».

LE PROVE

Nei documenti datati 2004, 2005, 2006 e 2007 , si può leggere:

2004

-lettera ACA del 3 settembre 2004: «...viste le risultanze analitiche che attestano un inquinamento da tetracloroetilene, tricloroetilene e cloroformio della falda dei pozzi S. Angelo di Castiglione a Casauria, nonostante sia garantita la potabilità in distribuzione grazie alla miscelazione con la sorgente Giardino, essendo venuti a conoscenza di un piano di caratterizzazione attuato dalla Soc. Ausimont ai sensi del D.M.471/99 per il sito di Bussi, in base al quale la stessa società avrebbe rilevato un forte inquinamento della falda in corrispondenza dei suoi terreni..» a firma del direttore tecnico dell'ACA e del suo Direttore Generale

2005

Copia del frontespizio del verbale (ottenuto previo accesso agli atti del Wwf alla Prefettura di Pescara) della riunione del 27 ottobre 2005 svoltasi a Pescara avente per oggetto “Riunione sulla problematica Inquinamento acque sotterranee pozzi S. Angelo di Castiglione a Casauria”. Si notano, nell'elenco dei partecipanti a questa riunione svolta ai massimi livelli, le firme dei partecipanti a nome dell'ACA.

2006

-«…in riferimento all'inquinamento da solventi organici alogenati riscontrato sulle acque sotterranee della falda dei Pozzi S. Angelo di Castiglione a Casauria e conseguente chiusura dell'erogazione degli stessi» a firma del direttore tecnico dell'ACA e del suo Direttore Generale;

2007

- «I pozzi di S. Angelo sono stati chiusi nel 2005 a seguito di riscontro di inquinamento chimico da solventi organici da parte dell'ARTA..», a firma del Direttore Generale dell'ACA.

«Questi costituiscono una minima parte delle decine di documenti dell'ACA (o inviati all'ACA) del periodo 2004-2007 in nostro possesso», ha aggiunto De Sanctis, «e relativi all'inquinamento dei Pozzi S. Angelo e dell'area a monte dei pozzi a Bussi. IN maniera incontrovertibile allora questi documenti ci dicono: -l'ACA sapeva dell'inquinamento dei pozzi almeno dal 2004; -l'ACA sapeva della situazione di grave inquinamento del complesso chimico di Bussi a monte dei pozzi S. Angelo almeno fin dal 2004; -l'ACA sapeva fin dal 2005 che il ministero dell'Ambiente aveva vietato la miscelazione delle acque».

PER TUTTI GLI APPROFONDIMENTI PROPONIAMO:

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/news2/article.php?storyid=180]CE L'HANNO DATA A BERE[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=11206]GLI ENTI SAPEVANO MA HANNO TACIUTO[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=11653]LA CRONISTORIA COMPLETA A CURA DI ATO E REGIONE[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=13336]L'ULTIMA SORPRESA:IL PARERE DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA'[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=DISCARICA+DI+BUSSI&mid=6&action=showall&andor=exact]PERCHE' L'INQUINAMENTO: TUTTO SULLA DISCARICA DI BUSSI[/url]

16/01/2008 12.30