Aperto il cantiere all'ex Provveditorato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

558

TERAMO. E' stato aperto lunedì scorso il cantiere per i lavori di ristrutturazione che interessano il primo piano dell'edificio in cui era ospitato l'ex Provveditorato agli Studi, in largo san Matteo.
La ristrutturazione è finalizzata alla realizzazione di un museo di arte contemporanea, che ha come acronimo Arca (Laboratorio per le Arti Contemporanee in Abruzzo).
La disponibilità degli spazi è possibile grazie all'intesa raggiunta tra Comune e Provincia, proprietaria dell'immobile.
L'intesa, perfezionata con delibera consiliare del 23 maggio 2005, ha previsto lo scambio in comodato gratuito della parte dello stabile dell'ex Provveditorato con una parte dell'edificio in cui ha sede l'Istituto per Ragionieri "V. Comi".
I lavori, che rientrano nell'ambito delle attività dell'assessorato ai Lavori Pubblici, la cui delega è dell'assessore Maurizio Brucchi, sono stati aggiudicati alla ditta Cioci di Canzano e seguono un cronoprogramma di 236 giorni; il progetto complessivo ammonta a 482.000 euro di spesa. L'intervento prevede la riqualificazione degli ambienti per la destinazione ad essi riservata, appunto, di sale museali.
L'Arca, nei disegni dell'assessore alla Cultura Mauro Di Dalmazio, vuole essere un centro di ricerca che rappresenti un innovativo modello museale in grado di coniugare eventi espositivi e attività formative. L'intento è di realizzare un contenitore all'avanguardia per sperimentare percorsi creativi e didattici in sintonia con le sfide lanciate dalle nuove tecnologie.
Così attraverso mostre, workshop, seminari, l'Arca vuole oltrepassare i confini artistici tradizionalmente intesi per sviluppare ricerche che affrontino gli intrecci tra arti visive, cinema, grafica, illustrazione, web art e sound design.
Il progetto, pertanto, vuol fare degli spazi dell'ex Provveditorato, luoghi di studio, ricerca e incontro.
L'intervento rientra all'interno del progetto denominato CulT nato dalla visione strategica che l'amministrazione comunale ha della cultura, intesa non solo come valore aggiunto alla città ma come sua matrice costitutiva.
Con CulT sono state individuate nuove strutture in grado di ospitare attività museali ed eventi; in questo quadro rientra anche il progetto ipogeo, le cui caratteristiche sono state presentate nei giorni scorsi, in concomitanza con l'apertura del relativo cantiere.

16/01/2008 11.13