Pescara, 46 arresti per spaccio di droga

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

11679

Pescara, 46 arresti per spaccio di droga
PESCARA. Dalle 5 di questa mattina 140 carabinieri del comando provinciale di Pescara, Teramo, L'Aquila e Chieti, con il supporto di 2 unità cinofile ed un elicottero di Falconara Marittima (An)hanno dato il via ad una maxi operazione antidroga.
46 gli arresti e decine le perquisizioni domiciliari.
Le indagini, condotte a carico di 62 persone, hanno consentito di sferrare un ennesimo duro colpo alla fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti (eroina e cocaina) gestita da noti pregiudicati locali, in buona parte di etnia rom.
Teatro dell'operazione sono, oltre ai noti quartieri a rischio conosciuti come Rancitelli, Zanni, San Donato e Fontanelle, alcune zone del centro di Pescara (stazione ferroviaria e piazza Salotto), oltre ad alcune vie del comune di Montesilvano.

Tutti i dettagli saranno resi noti in tarda mattinata.

14/01/2008 8.33

PUFFETTA OGGI NON C'E'

"Puffetta", "Insalata", "Squacchitti", "Maradona" per un pò non potranno più accontentare i loro clienti. Causa arrivo improvviso delle forze dell'ordine.
Sono questi i nomi di “battaglia” delle 46 persone finite nell'ordinanza di custodia cautelare eseguite questa mattina con un ingente spiegamento di carabinieri.
E così all'alba -come spesso accaduto negli ultimi tempi- si sono riviste le solite scene: fuggi fuggi generale, occultamento delle prove, pianti, strepiti, urla contro le forze dell'ordine, tentativi di resistenza, i bambini piccoli che piangono senza capire.
E soprattutto una corsa nei bagni per disfarsi delle prove e dunque scampare alla flagranza del reato.
Qualcuno ha avuto anche problemi con lo sciacquone e preso dalla agitazione ha dato un calcio al water che si è rotto allagando la stanza. Alla fine però la polvere bianca è filata giù per il tubo.
Le zone oggetto di questa ennesima operazione denominata “Senza quartiere” sono sempre le stesse: Rancitelli, Zanni, San Donato.
Le indagini sono andate avanti per oltre cinque mesi ed hanno permesso di individuare una serie di piccoli spacciatori, le ormai note famiglie di Rom (definiti "atipici" perché ormai stanziali e dotati quasi tutti di case popolari).
Ma questa volta gli arresti sono scattati anche per alcuni spacciatori del centro città (via Renato Paolini, piazza della Rinascita, la stazione) oltre che la vicina Montesilvano.
In totale gli indagati sono 62.
Gli arresti dei carabinieri seguono a breve distanza altre due imponenti operazioni antidroga denominate “Polvere rosa” (9 ottobre 2007) e “Senza tregua” del 19 novembre 2007.
Sono state cinque le persone arrestate in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e reati connessi.
Sono stati sequestrati, inoltre, 196 grammi di sostanza stupefacente tra eroina e cocaina, oltre a € 6.640 di banconote in contanti.
In totale alla retata hanno partecipato 140 carabinieri del comando provinciale di Pescara con l'ausilio degli altri comandi di Chieti, L'Aquila e Teramo, due unità cinofili, un elicottero e 10 agenti della polizia municipale di Pescara.
Gli arrestati sono stati trasferiti nel carcere di Pescara, Chieti e Teramo.
Fra loro ci sono anche cinque mamme con i rispettivi bambini.
«Non siamo riusciti a sequestrare molta droga perché in queste maxi operazioni la voce corre in fretta e c'è sempre un fuggi fuggi generale per avvertire gli altri complici e disfarsi della droga», ha detto il comandante Giovanni Esposito Alaia.
La rete di spacciatori è stata individuata grazie ad una intensa attività di indagine sul territorio che ha visto numerosi militari in borghese aggirarsi camuffati tra gli assuntori di droghe in cerca di approvvigionamento che, senza saperlo, sono stati intervistati per ricevere informazioni importanti circa l'ubicazione dei loro fornitori.
Le Forze dell'ordine hanno, inoltre, fatto notare come moltissimi degli arrestati di oggi fossero già stati arrestati altre volte per reati legati agli stupefacenti.
Molti sarebbero persino “regolari” assegnatari di alloggi popolari dell'Ater nonostante la palese attività illecita ed il tenore di vita molto elevato.
Sembrerebbe che su questo aspetto la stessa Ater stia eseguendo un censimento mirato per valutare i requisiti di persone che occupano abusivamente alloggi popolari.
Ed è un fatto accertato che per lo piu' lo spaccio di eroina e cocaina avveniva negli appartamenti popolari dove gli arrestati vivono, sotto gli occhi dei bambini.
«I rom che si occupavano di vendere droga non hanno altra occupazione e possono permettersi un tenore di via piuttosto alto», ha fatto notare il comandante provinciale dei carabinieri, Giovanni Esposito Alaia.
Oggi sono stati anche sequestrati, dalla Polizia municipale, due appartamenti popolari, occupati abusivamente.
I carabinieri sono convinti che la droga provenga da canali esteri soprattutto dell'est e che a far pervenire in regione le sostanze siano «grossi spacciatori».

In carcere sono finiti:
Carmela Rapuano, 59enne,
Sonia Spinelli di 23 anni,
Adelina Di Rocco di 45 anni,
Paolo Candeloro di 42 anni,
Luisa Paesano 42enne,
Davide Di Pietrantonio di 33 anni,
Spinelli Manuela di 23 anni,
Paride Baldassarre 38enne,
Antonio Ciarelli 39enne,
Donatina Cirelli 37enne,
Maria Giuseppa De Rocco, 66enne,
Sebastijan Hajra 21enne,
Tierni Cavallucci 42enne,
Giulia Spinelli 30 anni,
Loreta Ciarelli di 20 anni,
Gabriele Piccoli 46 anni,
Bruno Piroddi 43 anni,
Rosina Spinelli 41 anni,
Giulano Spinelli 35 anni,
Virgilio Spinelli 31 anni,
Gigliola Spinelli 37 anni,
Anna Bianchi 22 anni,
Rosa Di Rocco 51 anni,
Amelia Spinelli 60 anni,
Sonia Di Rocco 24 anni,
Biagio Di Pietrantonio 31 anni,
Elio Di Pietrantonio 48 anni,
Luigi Di Pietrantonio 40 anni,
Thaira Piscione 23 anni,
Luca Caposano 20 anni,
Giuseppe Caposano 45 anni,
Domenico Caposano 41 anni,
Giustino Barbetta 44 anni,
Diego Barbetta 35 anni,
Danilo Parbone De Matteis 41,
Edoardo Di Rocco 26 anni,
Vincenzo Bellotti 42 anni,
Romina Recchia 33 anni,
Sonia Baldini, 41 anni,
Emidio Valleriani 30 anni,
Giuliano Vitale 45 anni,
Adelina Di Rocco 51 anni,
Roberto Tavoletta 48 anni,
Gianluca Baldini 28 anni.

14/01/2008 14.58