Minacciano custode con la pistola, un arresto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1026

MONTESILVANO. Minacciano un custode con una pistola e forzano il posto di blocco dei carabinieri. Rintracciato e arrestato il conducente. Ancora in fuga altri due giovani.
I carabinieri di Montesilvano alla mezzanotte di ieri sono intervenuti in via Massimo D'Azeglio dove il custode di un cantiere è stato minacciato e aggredito da tre ragazzi.
Uno dei tre aveva anche una pistola che ha usato per intimidire l'uomo, che però è scappato riuscendo così a mettersi in salvo.
I tre sono poi spariti a bordo di una Opel Tigra.
Passato il pericolo, il custode, un romeno di 40 anni è riuscito ad avvertire il 112.
Sul posto sono arrivate due pattuglie dei carabinieri che hanno incrociato la vettura con a bordo i tre balordi.
Il conducente dell'auto ha così inserito la retromarcia e a forte velocità, tentando di invertire il senso di marcia, è andato a sbattere contro un palo della luce.
Ma non si è dato per vinto. Ha reinserito la prima ed è riuscito a forzare il posto di blocco e a passare nello spazio tra una delle auto dei carabinieri e la recinzione di una villa.
I tre sono riusciti a dileguarsi ma poco dopo l'auto è stata ritrovata abbandonata in via Lazio.
Le indagini dei carabinieri sono proseguite e i militari, hanno rintracciato il conducente dell'auto: Raffaele Loconte, 19 anni di Silvi che aveva sul volto anche i segni dell'incidente.
Al termine degli accertamenti Loconte è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale in concorso con altre due persone. Sarà lui a svelare ai militari la loro identità?
Oggi intanto è previsto il giudizio per direttissima.
27/12/2007 12.07