Nuovo incontro in Comune sul traffico:«solo occasione di pavoneggiarsi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

898

PESCARA. Si ritorna a parlare di piano traffico in Comune domani martedì 18 dicembre. L’assessore al traffico Mancini ha convocato associazioni e cittadini per discutere su come migliorare la circolazione cittadina. Tutto questo dopo il referendum popolare cassato dal consiglio comunale.
Oggi a dichiarare guerra (come se ce ne fosse bisogno) interviene nuovamente la Confcommercio che annuncia che non ci sarà a quell'incontro.
«Non troviamo difficoltà a considerare tale riunione come una pura esigenza teatrale, che meglio definiamo “cultura del palcoscenico”, che non abbiamo intenzione di alimentare con la nostra presenza», dicono dalla direzione.
«La tematica del piano traffico, che ha mietuto e continua a mietere vittime tra gli operatori, non può essere considerato alla stregua di concerto natalizio», spiegano alla Confcommercio, «dove la contemporanea presenza di una disomogenea serie di organizzazioni rischia di annacquare una problematica estremamente grave, che si aggiunge a tutte le altre iniziative poste in essere dall'Amministrazione e che stanno lentamente distruggendo il commercio pescarese».
Fra le più eclatanti il sodalizio ricorda il disconoscimento dei risultati del referendum per l'abrogazione di «un Piano Traffico inviso alla stragrande maggioranza degli operatori e dei cittadini»; l'estensione delle deroghe alle aperture domenicali e festive; l'inasprimento delle multe; il pagamento del parcheggio nell'area di risulta per l'intero periodo natalizio; la prossima istituzione di un “pedaggio” d'accesso alle zone centrali, l'allargamento delle zone di sosta a pagamento, per finire con il recente aumento dell'Ici e del Cosap.
La Confcommercio, pertanto, non parteciperà all'incontro di domani, «rendendosi disponibile ad essere convocata solo ed esclusivamente quale unica controparte - o eventualmente assieme all'altra associazione rappresentativa del settore - ma in ogni caso sempre ad esclusione di sigle organizzative che nulla hanno a che vedere con il comparto da noi rappresentato».
«L'incontro fissato dall'assessore al traffico Mancini è tardivo e "fuori tema". Le occasioni di discussione, richieste finora nelle sedi appropriate, sono state infatti sempre disattese».
La pensa così anche Berardino Fiorilli del gruppo Escara Futura, «è' legittima dunque la curiosità di sapere quali siano le associazioni ed i cittadini che parteciperanno all'incontro, visto che, come si legge sulla stampa di oggi, neppure la Confcommercio – principale rappresentante di una componente fondamentale per l'economia pescarese - vi prenderà parte; altrettanto legittimo il sospetto che si tratti di un incontro di sola facciata. Non è nemmeno chiaro per quale motivo l'invito non sia stato esteso alle forze di opposizione che hanno sostenuto una diversa pianificazione della mobilità. Si spera tuttavia che questo incontro recepisca almeno gli aspetti sostanziali per i quali ci si è battuti, in particolare la tematica della gestione dei parcheggi del centro città e l'accesso alla stessa zona centrale subordinato al pagamento di un ticket».
E la polemica continua…

17/12/2007 12.07