Aniep contro la Provincia: «quel bando è irregolare»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

801

PESCARA. Il bando di selezione pubblica per la costituzione della Commissione Pari Opportunità approvato con deliberazione della Giunta Provinciale di Pescara n. 228 del 18/10/ 2007, secondo l'Aniep (associazione nazionale per la promozione e la difesa dei diritti civili degli handicappati) potrebbe essere illegittimo.
Secondo la denuncia che arriva dall'associazione non sarebbe contemplata la categoria dei disabili tra quelle che compongono i segmenti sociali soggetti a rivendicazioni di "pari opportunità".
«Il 2007», ricorda Nicola Cirielli, commissario provinciale Aniep, «è stato designato dalla Commissione europea come "Anno Europeo delle Pari Opportunità per Tutti" con l'obiettivo di proporre un dibattito più esteso sui benefici della diversità per le società europee e di rendere i cittadini dell'Unione europea più consapevoli del loro diritto a ricevere uguale trattamento e a vivere una vita priva di discriminazioni».
Il Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità presso il Consiglio dei Ministri ha infatti elaborato il Piano Nazionale d'Azione nel cui ambito sono state elaborate 15 azioni facenti ognuna riferimento ai principali fattori di discriminazione: età, orientamento sessuale ed identità di genere, religione, razza ed etnia, disabilità.
«Appare evidente», sottolinea Cirielli, «quindi, il dubbio sulla regolarità del bando ancor più per il fatto che il presidente De Dominicis ed il dirigente Paolo Campea non rispondono alla lettera che l'Aniep ha loro inoltrato in data 7 Novembre scorso. Come mai? C'è qualcosa che non si deve sapere?»

07/12/2007 16.00


CONTROLLA IL BANDO CONTESTATO