Un "sexy shop" automatico all'area di servizio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4911

  L'AQUILA. La "Greenball" dell'Aquila, società che è nel settore dell'impiantistica sportiva si butta adesso su un altro settore. La società abruzzese, infatti, ha deciso di portare nel capoluogo una «chicca» dall'Inghilterra, «patria dell'emancipazione sessuale» (ma non era “niente sesso siamo Inglesi”?) .    

 


L'AQUILA. La "Greenball" dell'Aquila, società che è nel settore dell'impiantistica sportiva si butta adesso su un altro settore.
La società abruzzese, infatti, ha deciso di portare nel capoluogo una «chicca» dall'Inghilterra, «patria dell'emancipazione sessuale» (ma non era “niente sesso siamo Inglesi”?) .


 


 


Verranno installati giovedì 6 dicembre nell'area di servizio Total sulla SS. 80 gli stessi distributori di gadgets e dvd erotici che hanno spopolato a Londra, Manchester e Newcastle.
E la scelta di quell'area di servizio non è stata casuale ma dovuta «alla grande affluenza nella zona di sosta», ha spiegato a PrimaDaNoi.it Alfonso Romano, «dove è presente anche un lavaggio automatico».
E non si sa mai che le fantasie da Car Wash stuzzichino la mente degli automobilisti.
In questo caso, per loro ci sarà un distributore pronto a soddisfare i primordiali istinti.
Si tratta di una classica macchinetta di colore fucsia, come quella del caffè o dei preservativi, al cui interno, anziché il latte macchiato o un condom alla fragola, il "cliente" potrà trovare ed acquistare nel più totale anonimato un dvd oppure un gadget erotico stile manette con pelouches, aggeggi che accrescono l'edonismo, pomate viscose, stimoli vari, e così via, per un totale di 11 prodotti diversi.
E per i dvd (il distributore ne contiene circa 200) non si assicura che la lingua degli interpreti sia l'italiano… ma forse importa poco.
Per procedere all'acquisto è necessario dimostrare la propria maggiore età inserendo il codice fiscale o la tessera sanitaria.
L'idea è nata per dare un'opportunità a chi, magari per timidezza, non entra nei sexy-shop e non dover chiedere al commesso di turno.
Qui basta inserire la somma richiesta e scivolerà giù una scatoletta del tutto anonima con all'interno il nostro oggetto.
«Grazie ai distributori, d'ora in poi sarà possibile mantenere l'anonimato e scegliere tranquillamente un prodotto per il piacere sessuale», assicurano gli ideatori.
Ma siamo proprio sicuro che avvicinarsi ad un mega scatolone color fucsia ci farà passare inosservati?

05/12/2007 11.23