Sangritana, «truffa ai danni dello Stato». 8 avvisi di garanzia per vecchio cda

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1658

Sangritana, «truffa ai danni dello Stato». 8 avvisi di garanzia per vecchio cda
LANCIANO. Otto informazioni di garanzia in cui si ipotizza il concorso in truffa aggravata sono state emesse dalla Procura della Repubblica di Lanciano nell'ambito di un'inchiesta sulla gestione della Ferrovia Adriatico Sangritana Spa (società di trasporto della Regione Abruzzo con sede a Lanciano) nel periodo 2002-2006.
Tra gli indagati anche l'ex presidente Marino Ferretti (in forze ad Alleanza Nazionale) e l'ex direttore generale Antonio Bianco che oggi si dicono fiduciosi nell'operato della magistratura e estranei alle contestazioni scritte nero su bianco che dicono «concorso in truffa ai danni dello Stato e falso».
L'inchiesta riguarda quindi il Cda della società, presidente compreso, rimasto in carica fino all'estate 2006, e tre tecnici.
I provvedimenti sono stati emessi dopo accertamenti della Guardia di Finanza, in particolare dell'Ufficio di Polizia Tributaria regionale di Pescara, il cui esito è stato trasmesso anche alla Procura della Corte dei Conti.
Al centro delle indagini, l'acquisto della Sangritana di 25 autobus da un'altra società di trasporti di Lanciano, la "Staf", autobus pagati oltre 1 milione e 900 mila euro, una operazione definita dagli inquirenti «economicamente svantaggiose».
Infatti alla "Staf" (per gli investigatori «società decotta»), tempo prima, gli stessi autobus erano costati 1 milione 470 mila euro.
Allora perché pagarli così tanto? Il sospetto è quello di perizie gonfiate ad arte per ridare ossigeno alla morente società di trasporti.
Le indagini riguardano anche l'acquisto di un deposito autobus a Follani pagato 1 milione e 600 mila euro e poi ristrutturato.
C'è poi il capitolo assunzioni facili, tante volte al centro di denunce pubbliche: oltre 130 dipendenti entrati in società senza concorso ma a chiamata diretta.
L'inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore, Mirvana Di Serio

27/11/2007 9.21