Anche i professionisti abruzzesi a Bruxelles per discutere del futuro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

554

ABRUZZO. I professionisti di tutte le categorie si preparano ad un confronto con i loro colleghi europei. Ci sarà anche l'Abruzzo rappresentato dal commercialista Massimo Ivone.
Il 21 novembre prossimo una delegazione nazionale di Confprofessioni (Confederazione Sindacale Italiana Liberi Professionisti che in Abruzzo rappresenta i 38.000 professionisti appartenenti ai 21 ordini professionali), con a capo l'abruzzese, vPresidente di Confprofessioni Abruzzo, incontrerà presso il Parlamento Europeo alcuni Eurodeputati italiani, con i quali verranno affrontati i temi più scottanti dell'attuale congiuntura economica in ambito comunitario.
Il giorno seguente, 22 novembre, si procederà in mattinata all'inaugurazione del Desk di Confprofessioni, in Avenue H. Jaspar 113, per poi parlare con il vicepresidente della Commissione Ue, Franco Frattini e con il Ministro Emma Bonino, con il quale la delegazione parteciperà alla cerimonia di inaugurazione del 1° Expo Italia organizzato dalla Camera di Commercio Belga - Italiana.
«Saranno due giorni intensi e molto importanti per la nostra organizzazione», sottolinea Massimo Ivone, «perché parleremo con i massimi referenti a livello Comunitario dei problemi della nostre categorie ed in secondo luogo procederemo all'apertura di un desk in un luogo cruciale per il mondo delle professioni».
L'ufficio di Bruxelles servirà a fornire consulenze e materiali a tutti i professionisti interessati ad operare in ambito europeo.
«In un panorama economico nel quale i confini di operatività sono in primo luogo quelli della Comunità Europea», ha aggiunto, «è fondamentale poter avere una base d'appoggio in un luogo che costituisce il perno dello sviluppo delle imprese e della legislazione come Bruxelles. Dal nostro desk potremo attingere a tutte le informazioni utili a svolgere in maniera sempre migliore il nostro lavoro volto al continuo sviluppo del Paese, attraverso una consulenza aggiornata sulle possibilità e gli strumenti offerti dalla UE per la crescita».
21/11/2007 10.34