Nuovo organo in via Cavour: la chiesa "presenta" il suo gioiello con un concerto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

942

PESCARA. E' unico in Abruzzo e fra i più grandi in Italia di stile "nordico" (cioè tipico della Germania del Nord), particolarmente adatto alla musica di Buxtehude e Bach.
Il nuovo organo a trasmissione meccanica della chiesa della chiesa Beata Vergine Maria Del Rosario di
Pescara è una vera e propria opera d'arte: realizzato interamente a mano con legno di rovere, abete, noce, bosso ed ebano, pesa 60 quintali ed è dotato di 3000 canne, la più alta da 5 metri e la più piccola da 5 millimetri.
Per volontà dell'ex parroco, ora vice, Don Palmerino Di Sciascio, con un investimento di un miliardo di vecchie lire raccolto
con contributi pubblici e privati (il grosso è stato stanziato dalla parrocchia stessa), il pregiato strumento è stato costruito a partire
dal 2001 dalla ditta udinese di Francesco Zanin, che vanta una lunga tradizione nel settore, cominciata nel 1823. Il resto della squadra che
ha partecipato all'impresa è abruzzese: è infatti pescarese il progettista Angelo Giuliante (che è anche il geometra del Comune che sta
seguendo gli appalti per i lavori allo stadio Adriatico in vista dei Giochi 2009 e per la Città della Musica nel sito dell'ex inceneritore);
i mosaici in marmo ispirati ai canti gregoriani, che adornano l'ampia cantorìa sulla quale è installato l'organo, sono dell'aquilano Claudio
Alleva; i fregi in ferro battuto sono stati fatti dalla ditta "Marrone Armando" di Guardiagrele; infine, i particolari estetici della cassa e
della cantorìa sono stati curati dall'architetto pescarese Raffaele Giuliante. L'organo, i cui pezzi finiti sono stati trasportati da Udine
a Pescara con due tir, è nella parrocchia dall'anno scorso ed è stato benedetto in occasione dei cinquant'anni di sacerdozio di Don Palmerino.
Dopo il periodo di assestamento, indispensabile per far adattare le canne alla diversa temperatura e posa, verrà inaugurato ufficialmente
dopodomani (sabato 17 novembre) con il concerto dell'organista tedesco Wolfgang Zerer in programma alle 21,15. L'esecuzione, ad ingresso
libero, avverrà...al freddo, per garantire un'esecuzione ottimale, dal momento che l'aria riscaldata potrebbe compromettere l'acustica.
Le composizioni di Bach, Buxtehude, Böhm e Weckmann che verranno proposte nel corso della serata sono state appositamente selezionate da Zerer per dare risalto al temperamento (sistema di intonazione) dello strumento, di tipo "Werckmeister III". Domani e sabato Zerer terrà nella parrocchia anche un seminario di interpretazione organistica, aperto a tutti i diplomati e gli studenti di organo e composizione organistica di
qualsiasi nazionalità, purché maggiorenni. L'iniziativa è patrocinata da Associazione Organistica Abruzzese, Comune, Provincia e Regione,
Conservatorio "Luisa d'Annunzio", associazione culturale "Crescere insieme" e associazione organistica Vallesina di Ancona.
16/11/2007 8.23