Via libera al ricorso delle associazioni di volontariato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

530

ABRUZZO. Grazie ad una interrogazione del consigliere regionale di Forza Italia Nazario Pagano è emersa l'incredibile situazione delle 11 associazioni di volontariato private del contributo regionale 2006 (l.r.95/99 e succ.modif.). Forse adesso qualcosa potrà cambiare.
«Per effetto d'una restrittiva interpretazione della norma» da parte dell'Assessorato alla Qualità della Vita, diretto da Betti Mura, Rifondazione Comunista non si sono erogati fondi ad undici associazioni. L'interpretazione, infatti, come ha spiegato agano «pretende la presenza nello statuto della dicitura "assistenza ai disabili". Nonostante queste associazioni svolgano da anni una meritoria azione di sostegno - quando non di vera sostituzione - al servizio sanitario sul territorio – prosegue Pagano - non solo non vengono premiate e appoggiate come si dovrebbe, da parte di amministratori che parlano continuamente di solidarietà e di difesa dei deboli, ma addirittura vengono penalizzate per un cavillo burocratico, a meno che qualcuno non voglia disquisire se un leucemico o un malato di Parkinson siano da considerare o no disabili».
Nel frattempo, lo scorso 25 ottobre, il TAR di Pescara ha accolto il ricorso di una di queste associazioni invitando nella relativa ordinanza la Regione a rivedere tutte le pratiche escluse dalla contribuzione.
«E' l'ennesimo caso – conclude Pagano – in cui la maggioranza di centrosinistra è costretta a fare marcia indietro, come sul commercio, come sull'omnibus, dimostrando di non essere all'altezza di governare questa regione».
15/11/2007 11.15