Chiusa la ss 84, chiesto un consiglio straordinario a Taranta Peligna

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1370

FARA SAN MARTINO. Emergenza viabilità nelle aree interne del medio e alto Aventino; il consigliere provinciale di Chieti e sindaco di Fara San Martino, Antonio Tavani (An), chiede al presidente del Consiglio provinciale di Chieti di indire una seduta straordinaria dell’assise da tenersi a Taranta Peligna, isolata a causa della chiusura dell’ex Statale 84.

«Come è noto – sottolinea Tavani nella richiesta inviata al presidente del Consiglio provinciale, Agostino Monteferrante – una nuova grave frana ha interessato il versante della Majella, tanto che il sindaco di Taranta Peligna, al fine di tutelare la pubblica incolumità, ha immediatamente emesso un'ordinanza, disponendo la chiusura della ex S.S. 84, nel tratto di sua competenza, e di fatto impedendo la circolazione da Lama dei Peligni a Palena».
Tavani sottolinea che la chiusura della Statale è stata necessaria per garantire la sicurezza ai cittadini, ma rimarca la necessità di un intervento che ponga fine all'infinito stato di emergenza in cui versa la viabilità locale.
«Per l'analisi compiuta della situazione e lo studio di possibili strategie di contenimento di tali disagi – aggiunge Tavani nella richiesta a Monteferrante – con la presente, anche a nome dei colleghi del gruppo consiliare di Alleanza Nazionale, le chiedo di voler indire un Consiglio provinciale straordinario, da tenersi a Taranta Peligna, e avente ad oggetto la situazione viabilità».
Nella richiesta, infine, Tavani ricorda che l'emergenza a Taranta non è una situazione nuova. Nell'aprile del 2005, infatti, un'altra frana colpì la strada provinciale Lama-Palena e distrusse una piccola abitazione. La donna che vi abitava perse la vita.
Sulla vicenda il consigliere di An si era anche fatto promotore di un'interrogazione al presidente Tommaso Coletti, con la quale chiedeva un intervento immediato per sanare i disagi alla viabilità.
«Sono passati più di due anni – conclude Tavani – e siamo ancora in piena emergenza».

09/11/2007 13.41