Scoperta frode ai danni della Asl Lanciano Vasto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1373

LANCIANO. La guardia di finanza di Lanciano, sotto il comando del tenente Valter Domenico Celli, a seguito di laboriose e delicate indagini in materia di polizia economico-finanziaria nel comparto della spesa pubblica, ha scoperto una frode nelle pubbliche forniture a danno del servizio sanitario nazionale. 6 le persone denunciate.
I reati sarebbero stati perpetrati, secondo l'accusa, a seguito di inadempienze contrattuali relative alle manutenzioni mai effettuate sulle apparecchiature elettrobiomedicali in uso negli ospedali e nei distretti di del comprensorio Asl Lanciano- Vasto per un valore di €.
2.664.426,00.
Lavori appaltati, quindi, ma nei fatti mai eseguiti.
Le violazioni commesse e scoperte dalle fiamme gialle sarebbero state messe in piedi proprio dalle società che dovevano garantire la corretta esecuzione di un contratto d'appalto stipulato con la Asl, nonchè da dirigenti della struttura sanitaria, non più in servizio, per aver attestato mediante il pagamento delle manutenzioni l'esecuzione delle stesse.
Sono state così denunciate 4 persone, tra rappresentanti delle società appaltatrici delle forniture di manutenzione, responsabili per i reati di frode nelle pubbliche forniture e truffa.
Altre 2 persone dovranno rispondere di falsità materiale commessa da pubblici ufficiali in atti pubblici.
Il danno economico subito dalla Asl a seguito del mancato rispetto delle norme contrattuali è al vaglio della Procura regionale della Corte dei Conti de L'Aquila.

05/11/2007 10.58