Nuove politiche del lavoro, il ministro Damiano a Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

505



TERAMO. Da una parte il ruolo dei servizi per l'impiego, la stabilizzazione del personale precario e la necessaria integrazione tra lavoro e formazione. Dall'altra il problema della sicurezza e della prevenzione, quello dei nuovi ammortizzatori sociali e la programmazione dei fondi europei. Il tutto legato a doppio filo alle opportunità e alle prospettive che il mondo del lavoro offre alle nuove generazioni, uno degli argomenti fondamentali dell'attuale dibattito politico e parlamentare.
Sono questi i temi sui quali s'incentra il convegno che la Provincia - Assessorato al Lavoro e alla Formazione ha organizzato per lunedì 29 ottobre, a Teramo, a partire dalle 9,30, nel nuovo auditorium dell'Istituto tecnico industriale “Alessandrini”, sul tema “Il ruolo dei servizi per l'impiego e le nuove politiche del lavoro”. Al convegno interverrà il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, che illustrerà le novità e le scelte contenute nella Finanziaria 2008 e nel protocollo sul Welfare siglato da Governo e sindacati. Ci sarà inoltre il presidente della Regione Ottaviano Del Turco, che parlerà del rapporto tra Regione e Provincia come modello per uno sviluppo sostenibile.
L'incontro servirà anche a fare il punto sulle molteplici attività svolte dai Centri per l'impiego teramani, che soddisfano quotidianamente le richieste di 216 cittadini e 137 imprese. Entrambi i target di utenti sono aumentati rispettivamente del 63% e del 60% negli ultimi due anni, periodo in cui anche le prestazioni erogate individualmente sono salite in maniera sensibile(+ 25%).
Non a caso, poi, il convegno si tiene nel nuovo auditorium dell'Iti, inaugurato a marzo ed esempio riconosciuto di buona prassi nel campo della sicurezza sul lavoro. L'opera è stata infatti un cantiere-pilota e ha consentito di mettere a punto una metodologia replicabile in altri luoghi di lavoro. Un'esperienza innovativa che, come si ricorderà, ha preso il via dopo un accordo di programma fra la Provincia, gli ordini degli Architetti e degli Ingegneri, la Asl, l'Inail, la Direzione del Lavoro, l'Associazione dei Costruttori Edili, l'Associazione delle Piccole e Medie imprese, il Collegio dei Periti Industriali.

25/10/2007 14.26