Vittime della strada, il saluto degli amici di Lorena è in rete

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2571

IL VIDEO. PESCARA.«Non doveva andare così. Adesso siamo tutti un po' più soli». Con la voce di Eros Ramazzotti scorrono le immagini della bella Lorena Mucci, investita e uccisa domenica scorsa.
Gli amici hanno fatto un collage di tutte le sue foto e messe sul sito You Tube.
«Volevo scrivere qualcosa di carino ma non ci sono riuscito», si legge nella prima schermata realizzata dall'amico Fabio Urbini. «Penso che questo parli da solo su cosa abbiamo perso».
Un filmato commovente e drammatico che acuisce il dolore per una morte improvvisa e assurda.
Era bella Lorena, era nel fiore della vita. Sorride sempre nelle foto scattate mentre lavorava in un locale della riviera pescarese, contornata da ragazze e ragazzi e dal fidanzato Gianluca.
Una vita tranquilla e piena di entusiasmo la sua, come quella di molti suoi coetanei.
Solo una sfortuna, tristissima sfortuna. Essere incappata in quella maledetta auto che domenica l'ha falciata. E non c'è pace adesso per amici e familiari. Non c'è pace per una tragedia unica che ormai si ripete sempre più spesso sulle strade italiane.
E resta l'incertezza della pena di chi l'ha investita. E restano molte domande, e restano le lacrime, versate a fiumi ieri nel corso del funerale della ragazza. Resta anche la rabbia e la sicurezza che al posto di Lorena potesse trovarsi chiunque.
«Resta il sorriso, il ricordo..», scrivono oggi gli amici. «Resta il cuore..quel cuore grande che avevi tu, Lorena, e che continuerà sempre a battere in un ricordo, in un abbraccio..in un bacio.. ti prego di far battere le tue ali vicino a noi; ti prego di proteggere dall'alto quelli che adesso ,in questo momento e probabilmente per sempre, hanno bisogno di un conforto, di una carezza che solo tu ora puoi dare...da un tuo sospiro con la tua anima bella.. perchè tu vivi e vivrai giorno per giorno...perchè gli angeli non muoiono mai...ci mancherai..ti vogliamo bene..Lorena».

IL PM CHIEDERA' LA CARCERAZIONE

Chiederà una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell'indagata il pm di Chieti Rosangela Di Stefano titolare dell'inchiesta sulla morte di Lorena Mucci, investita mortalmente da una russa di 34 anni, Alevtima Tchoumak.
La donna che guidava ubriaca l'auto a fari spenti, si è scoperto solo dopo l'incidente, non ha la patente ma solo il foglio rosa. La russa è ancora in stato di fermo e oggi, in sede di convalida dinanzi al gip del Tribunale di Chieti, il pm formulerà il capo di imputazione, omicidio colposo e omissione di soccorso, chiedendo che nei confronti dell'indagata sia disposta la carcerazione soprattutto per il pericolo di fuga.

17/10/2007 9.19



[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=11938]LA NOTIZIA DELL'INCIDENTE[/url]