Torrevecchia Teatina raggiunge i 4.000 abitanti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1029

TORREVECCHIA TEATINA. Dopo il raggiungimento dell’importante traguardo arriva anche una proposta di discussione in consiglio comunale per i nuovi provvedimenti amministrativi.

Settembre 2007: Torrevecchia Teatina raggiunge quota 4.000 abitanti. «Un traguardo davvero importante per la nostra comunità», ha commentato il consigliere di opposizione Nando Marinucci, «che vive un incremento demografico imprevedibile fino a qualche anno fa». Una cittadina tranquilla, un'isola fra le grandi realtà urbane dell'Abruzzo centrale: il triangolo della cosiddetta area metropolitana Pescara, Chieti e Francavilla. «Torrevecchia, a differenza dell'inerzia amministrativa per il varo della variante al PRG, dimostra un forte dinamismo che preoccupa non tanto per la ricettività», continua Marinucci, «che si dimostra molto larga e spesso anche troppo, ma per l'angoscia sulle difficoltà riscontrate sulla dotazione delle urbanizzazioni primarie e secondarie».
Una comunità in forte crescita, secondo il consigliere «deve cominciare a fare i conti con le grandi difficoltà per l'approvvigionamento idrico ed il sistema fognario, per l'approvvigionamento energetico, per non parlare poi del sistema della vetusta rete stradale (oramai siamo giunti al punto di dover ripensare una nuova idea di rete stradale comunale con adeguamenti e nuovi assi)».
Si pone quindi il grande problema degli standards urbanistici; ad ogni abitante bisogna garantire almeno i 18 metriquadrati secondo legge: aree parcheggio, aree a verde e spazi pubblici, aree per l'istruzione ed infine spazi per interesse comune. Oggi a Torrevecchia si festeggia il 4000° abitante, ed il Consigliere d'opposizione Marinucci propone all'ordine del giorno del prossimo consiglio comunale la discussione sulla questione; una proposta di discussione per verificare lo stato attuale in cui verte il Comune «ma soprattutto lo stato di preparazione della gestione amministrativa, con le sue strutture, i suoi programmi e soprattutto le sue capacità: sempre meno valide ed efficaci». 13/10/2007 9.31