Il grand tour Conai all'Aquila dal 5 al 7 ottobre

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

964

L'AQUILA. Arriva anche all'Aquila il Grand Tour Conai, iniziativa promossa dal consorzio Nazionale per il recupero degli imballaggi, che mira a sensibilizzare i cittadini sulla raccolta, recupero e riciclo dei materiali da imballaggio.
A 10 anni dalla nascita il Conai ha deciso di mettersi in viaggio per l'Italia alla scoperta della nuova vita dei materiali da imballaggio e di tesori artistici e naturali poco conosciuti del Bel Paese.
All'Aquila dal 5 al 7 ottobre, in viale delle Medaglie d'Oro, sarà presente un "Info Tir" aperto dalle 10 alle 18 a chiunque volesse ottenere informazioni in merito alla raccolta differenziata.
All'interno dell'info tir sarà anche possibile compiere un viaggio virtuale alla riscoperta di tesori – per L'Aquila il numero 99 che ricorre nello sviluppo architettonico della città e, in particolare, la Fontana delle 99 Cannelle – sulle quali il Grand Tour ha scelto di accendere i riflettori per stimolare la curiosità e l'attenzione del pubblico a un atteggiamento consapevole verso il proprio territorio.
«I rifiuti di imballaggio, come acciaio, alluminio, legno, carta, plastica e vetro, rappresentano una risorsa per lo sviluppo sostenibile del nostro Paese – ha affermato Saturno Illomei, Responsabile Rapporti Istituzionali Conai - il Grand Tour racconta la storia dei singoli materiali, i processi che ne garantiscono una nuova vita e i risultati che si possono ottenere attraverso il recupero e il riciclo».
E' infatti un circolo virtuoso di fondamentale importanza per la tutela dell'ambiente, per il risparmio di materie prime, di energia e che si basa sul principio della responsabilità condivisa tra i cittadini, che devono separare i rifiuti, i Comuni, cui spetta di organizzare la raccolta differenziata e il sistema Conai-Consorzi, che garantisce l'avvio a recupero e riciclo dei materiali raccolti.
Per fare alcuni esempi, con 7 scatolette di acciaio si ricava un vassoio, e con 2 milioni e 600 mila scatolette si può realizzare 1 Km di binario ferroviario. Oppure, con 3 lattine è possibile realizzare un paio di occhiali, da 4 piattaforme di legno si ottiene una scrivania, e con 27 bottiglie di plastica si confeziona una felpa in pile.
In 10 anni di attività il Conai ha conseguito risultati importanti.
Dal 1998 le quantità di rifiuti di imballaggio avviate a riciclo sono cresciute del 98%, quelle recuperate del 126% e i materiali avviati alla discarica sono diminuiti del 42%. Tuttavia in un contesto di generale positività la realtà è ancora disomogenea. Una parte dell'Italia è ancora al di sotto della percentuale media nazionale che è attualmente pari al 25%, e lontana dall'obiettivo del 45% stabilito dalla legge per il 2008.
«E' proprio per questa ragione – ha aggiunto Saturno Illomei - che con il Grand Tour vogliamo incontrare i cittadini in tutte le Regioni, in particolare quelle nelle quali è ancora necessario uno sforzo significativo per raggiungere gli obiettivi di legge».
Obiettivi che all'Aquila sono ancora molto lontani, come ha ammesso lo stesso Assessore all'Ambiente, David Filieri, che ha detto:
«all'Aquila non raggiungiamo nemmeno il 12% della raccolta differenziata».
La situazione, ha ricordato l'assessore, è grave. Il 24 dicembre scadrà la convenzione per conferire i rifiuti nella discarica di Lanciano e superato questo termine senza aver raggiunto almeno il 35% di raccolta differenziata ed aver trovato una soluzione per la realizzazione dell'impianto di pre-trattamento e smaltimento dei rifiuti trattati, «L'Aquila – ha affermato Filieri - potrebbe ritrovarsi come Napoli».

Mara Iovannone 04/10/2007 16.24