Balbuzie, dal 3 al 5 ottobre incontri gratuiti per togliere il disturbo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3784

CHIETI. Si svolgerà dal 3 al 5 Ottobre dalle ore 9.00 alle 20.00 nel Centro Counseling Balbuzie la sessione di incontri gratuiti “Balbuzie: togliamo il disturbo” dedicata all’informazione, alla prevenzione e alla valutazione della balbuzie. E’ rivolta in particolare ai balbuzienti bambini, adolescenti, adulti e ai loro familiari
I dati statistici dimostrano che la balbuzie è un problema tutt'altro che trascurabile: colpisce oltre il 2% della popolazione mondiale - circa 55 milioni di persone - e oltre 7700 persone nella sola provincia di Chieti a partire dai 3 anni di vita nella proporzione di tre maschi per una femmina (fonti Crc Balbuzie di Roma e APA). La balbuzie è un disordine del ritmo della parola di origine neurologica nel quale il paziente sa con precisione quello che vorrebbe dire ma, nello stesso tempo, non è in grado di dirlo a causa di involontari arresti, ripetizioni e/o prolungamenti di suono (fonte OMS) presente in tutte le culture e gruppi sociali.
La sessione è organizzata dal Centro della dottoressa Elena Marino, l'unico centro specializzato nella riabilitazione della balbuzie a Chieti.
Il Centro è specializzato nella valutazione e nel trattamento della balbuzie infantile e adulta e delle problematiche correlate, offre percorsi intensivi specifici per il balbuziente e la sua famiglia basati su speciali esercizi e dinamica di gruppo. Offre consulenze a Enti e privati che ne facciano richiesta. Organizza corsi di facilitazione alla fluenza per balbuzienti in diverse città d'Italia.
«Gli incontri», spiega la dottoressa Marino,«vogliono fornire una corretta informazione, essere d'aiuto ai genitori e a quanti soffrono di questo problema, illustrare le attività del Centro. Saranno gratuiti e individuali (turni di 45 minuti) per favorire un clima di serenità e ascolto reciproco, e toccheranno i seguenti temi: eziopatogenesi della balbuzie, balbuzie e sintomi connessi, ansia, rapporti sociali, il genitore del balbuziente, panorama terapeutico, delucidazioni sul percorso proposto».
Info: info@trattamentobalbuzie.it
01/10/2007 12.55