Sequestrato castello di Balsorano, dai festini hard agli abusi edilizi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1516

BALSORANO (L'AQUILA). Il castello medioevale di Balsorano è stato posto sotto sequestro dalla magistratura di Avezzano per presunti abusi edilizi. Nell'ambito dell'inchiesta sarebbero state indagate sette persone, alle quali vengono contestati reati collegati ad abusi edilizi ed altro.
In particolare si tratta di lavori di restauro realizzati all'interno e all'esterno dell'edificio, adibito a struttura alberghiera, dichiarato dal ministero dei beni culturali "Monumento di importante interesse nazionale" e pertanto sottoposto a vincolo dei Baas ai sensi del D. Lgsl 490/99.
La guardia di finanza ha accertato che sono stati eseguiti lavori difformi ed abusivi (rispetto alle autorizzazioni rilasciate) che hanno alterato le caratteristiche tipologiche ed ambientali del castello medioevale.
Sotto inchiesta sono finite sette persone tra cui gli amministratori della società proprietaria del castello nonchè delle società che hanno eseguito i lavori di restauro.
I reati vanno dalla violazione delle disposizioni in materia di beni culturali, del paesaggio e dell'edilizia, alla truffa, alla sostituzione di persona e falsità ideologica.
Per diverso tempo all'interno del Castello è stata svolta attività di ristorazione e albergo; ultimamente il ristorante era aperto solo su prenotazione.
Nell'ottobre del 2005 il castello fu al centro anche di una simpatica storia scoperta da PrimaDaNoi.it.
Proprio all'interno del castello, infatti, si sarebbe dovuta svolgere una festa tra coppie di scambisti.  Un evento che alla fine saltò e che provocò non pochi imbarazzi in paese. All'epoca dei fatti fu l'intervento del sindaco.

Sulla proprietà del castello c'erano alcuni dubbi ma sembra che fosse di proprietà di un ingegnere di Avezzano.


25/09/2007 14.41