La Clinica pediatrica di Chieti ritorna funzionante

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

728

CHIETI. E' tornata alla piena funzionalità la Clinica pediatrica dell'Ospedale clinicizzato di Chieti, dopo la forzata chiusura di otto stanze, nelle scorse settimane, a causa delle infiltrazioni d'acqua verificatesi per la pioggia, mentre erano in corso lavori al piano superiore.
L'Ufficio tecnico dell'Azienda sanitaria locale ha provveduto alla ristrutturazione e al miglioramento complessivo degli spazi a disposizione del reparto. Sono state ritinteggiate le stanze, sistemati i controsoffitti, tirata a lucido l'intera ala del Pediatrico al 13/o livello del Policlinico.
«Sono tornati tutti disponibili i 21 posti letto», dicono alla Asl, «ai quali si aggiungono i letti che ospitano le mamme dei piccoli pazienti. E' ripresa regolarmente anche l'attività ambulatoriale: è stata, intatti, riattivata la parte degli ambulatori danneggiata dalle infiltrazioni. Si tratta di interventi che contribuiranno a elevare ulteriormente lo standard assistenziale della Clinica pediatrica di Chieti, diretta dal professor Francesco Chiarelli, che già da molti anni si pone come punto di riferimento per l'Italia Centro-Meridionale. A Chieti vengono curati, infatti, bambini provenienti dalle regioni limitrofe e da tutto il Meridione».
La Pediatria teatina ha ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali. Il professor Chiarelli è, inoltre, presidente della Società europea di pediatria e consulente per la pediatria dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).
«E' importante – ha affermato il professor Chiarelli – che vi sia in Abruzzo un punto di riferimento regionale ed extraregionale per la cura pediatrica. Soprattutto, occorre sviluppare una forte attenzione all'assistenza di eccellenza per i bambini».
Proseguono, intanto, come da cronoprogramma, i lavori per l'ampliamento della Clinica oncologica al 14/o livello del Policlinico.
24/09/2007 13.37